Skip to content

La “discontinuità positiva e ragionata” di Gianni Mongelli

2 gennaio 2010

“Sono stati sei mesi entusiasmanti e pieni di soddisfazioni che ci fanno capire che siamo sulla buona strada”. E’ positivo, secondo il sindaco Gianni Mongelli, il bilancio dell’ultimo semestre del Comune di Foggia, che appunto da qualche tempo ha una amministrazione. Nella conferenza stampa di fine anno il primo cittadino del capoluogo dauno ha messo in evidenza il lavoro di squadra svolto dalla sua giunta, dal consiglio comunale e dalla tecnostruttura, che hanno partorito importanti provvedimenti “con una discontinuità positiva e ragionata”.
La cosiddetta discontinuità si vede soprattutto per le tre ex municipalizzate, che avranno un amministratore unico ed un consiglio di amministrazione di ogni azienda con massimo tre componenti per ciascun cda. Discontinuità ci sarà soprattutto sui nomi, così come accaduto per la giunta comunale. E quindi chi ha fatto o fa parte degli organismi di Amica, Ataf e Amgas, e delle controllate, non potrà più sedere sulla stessa poltrona. Una rivoluzione che colpirà soprattutto i funzionari di partito, che solitamente trovavano posto proprio in queste aziende. Tuttavia la giunta guidata da Gianni Mongelli ha anche provveduto a sottoscrivere il Patto per la Sicurezza, ovvero un’attività di prevenzione dei fenomeni di disagio giovanile e sociale (tossicodipendenza, alcolismo, bullismo, prostituzione) da realizzarsi in collaborazione con enti ed associazioni del territorio, l’istituzione della nuova area pedonale in piazza Cesare Battisti e il progetto, inserito in Area Vasta, del treno tram con la tratta Lucera-Foggia-Manfredonia. Ma l’attuale amministrazione comunale ha, finalmente, dopo ben dieci anni riempito il cratere lasciato dal palazzo crollato in viale Giotto con un giardino che ricorda le 67 vittime di quel tragico 11 novembre 1999, e non sono mancati gli interventi riguardanti la cultura, con la prossima riapertura del teatro ‘Umberto Giordano’, quella già avvenuta del palazzetto dell’arte e l’usufrutto a cittadini ed associazioni degli spazi di piazza Mercato, oltre che aver realizzato un cartellone di eventi per piazza Cattedrale. Inoltre con i 3 milioni di euro stanziati nello Stralcio del piano strategico di Area Vasta Capitanata 2020, si attiverà il recupero conservativo del complesso monumentale e l’adeguamento degli impianti, dell’accessibilità e della sicurezza. L’intervento di restauro conservativo e adeguamento funzionale della Basilica Cattedrale si inserisce nell’ambito del recupero del centro storico di Foggia che si realizza anche attraverso  la valorizzazione dei percorsi archeologici ipogei, il recupero dei percorsi storici e dei palazzi ed edifici monumentali presenti all’interno del centro storico stesso. Per ciò che riguarda la zona industriale di Foggia i 4 milioni e 689 stanziati nell’ambito dell’Asse VI del FESR Puglia, “Competitività dei sistemi produttivi e occupazione”, saranno destinati alle zone ASI di Foggia e di San Severo-Apricena. Fra gli interventi di maggiore impatto c’è la realizzazione di un sistema di videosorveglianza e di monitoraggio del traffico veicolare nella zona ASI
Annunci
One Comment leave one →
  1. anonimo permalink
    4 gennaio 2010 14:00

    la discontinuità del sindaco aimè, non si è vista nei confronti delle imprese, inquanto sono ormai diventati anni chi da 2 chi da 3 che aspetta i pagamenti di lavori completati e non retribuiti, ma non parliamo di lavori urgenti i quali si sà essendo urgenti bisogna travere un capitolo finanziato dove allocarli, ma die lavori eseguiti tramite gare d’appalto, dove i finanziamenti vengono rilasciati prima dell’esecuzione della gara e che per legge non possono essere spesi per altri finanziamenti ma usati solo per il pagamento del lavoro messo al bando, tutto ciò purtoppo a foggia non succede facendo girovagare questi soldi dove ce ne sia bisogno giornalmente (pagamenti dipendenti, amgas, amica, ) tutto ciò può essere anche ammissibile fin quando non ci sia un SAL (stato avanzamento lavori) dove si ha l’obbligo di pagare l’impresa che sta eseguendo i lavori finanziati con quei soldi, ed è qui che si blocca il comune dove ci sono imprese che aspetto i pagamenti di 3 o 4 SAl da mesi ormai e che l’ufficio responsabile diretto dal Dott. Di Cesare, rimanda a data da destinarsi, non ricevendo il pubblico nemmeno nei giorni che lui ha stabilito ossia il martedi e giovedì, dove una volta per una scusa ed una volta per un’altra addirittura ha detto che doveva mantenere il patto di stabilità con i fondi che le imprese devono riscuotere così da far passare il bilnacio in attivo e fà passare giorni, mesi ed ora anche anni, per pagare, e dove le imprese hanno le banche al collo che richiedono il ritorno dei prestiti effettuati con tassazioni alle stelle, le quali si risucchiano quel poco di guadagno rimasto e che ancora non riscuotono.addirittura giorni fà anche l’impresa che ha eseguito i lavori del parco di Viale Giotto dopo aver ricevuto promesse dal Sindaco sui pagamenti prima dell’esecuzione dei lavori, ancora non riceve nulla tanto “ormai il parco è stato fatto” chi se ne frega, si ma è stato fatto sulla pelle delle imprese,non del Comune di Foggia, è così si va avanti con le altre imprese.è qui che c’e bisogno di discontinuità!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: