Skip to content

Elezioni in Puglia: per il Pdl difficile scelta tra Dambruoso e Poli Bortone

6 gennaio 2010

Se Atene piange, Sparta non ride. La spasmodica attenzione che i media stanno riservando alla vicenda del centrosinistra pugliese ha provocato qualche risentimento nel Pdl. Ma la cosa qualche aspetto positivo ce l’ha. Nel senso che ha contribuito a mantenere sotto tono e sotto coperta le difficoltà che si profilano anche in casa del centrodestra per quanto riguarda la scelta del candidato. La conseguenza è che, così come sta succedendo sul fronte del centrosinistra, i candidati di area potrebbero essere due, e non uno.
Lo stile nei due poli è diverso: più “urlati” i conflitti nel centrosinistra, più sobri quelli nel centrodestra. Ma la sostanza è la stessa. Anzi forse perfino più problematica, quella del centrodestra. Che se nel centrosinistra i contendenti si scrutano e si mandano messaggi, preparandosi alle primarie nel migliore dei casi, nel centrodestra i candidati in pectore si preparato dritti dritti per le elezioni.
Adriana Poli Bortore, ex sindaca  di Lecce corteggiata da Raffaele Fitto ha rotto gli indugi ed ha messo in moto la sua macchina elettorale. Il movimento fondato dall’ex sindaca di Lecce, “Io Sud”sarà in campo comunque e la sosterrà comunque, anche a costo di correre da sola.
“I pugliesi, dalla casalinga all’imprenditore, hanno bisogno di serenità – ha detto Poli Bortone in una dichiarazione – per affrontare, in tempi rapidi, lo sviluppo della Puglia, con un governo che dia certezze e senza essere costretti ad assistere ad una improduttiva litigiosità politica.”
Per questo Poli Bortone ha riunito i diversi coordinatori provinciali del suo movimento a Bari in una riunione “servita per avviare la macchina organizzativa elettorale e costituire un comitato permanente”. Durante l’incontro si è parlato “delle criticità, emerse dai tavoli tematici, che hanno impedito il decollo del territorio ed è stato deciso di avviare incontri tesi a far conoscere le possibili soluzioni, con l’onestà intellettuale di dare continuità a quanto di positivo realizzato dai governi regionali precedenti”.
In realtà, la riunione ha avuto lo scopo di mandare un messaggio chiaro e forte al Pdl: Adriana Poli Bortone è disponibile alla candidatura ma occorre che il partito di Berlusconi superi le divergenze ed i conflitti.
Si danno però da fare anche i supporter dell’altro possibile candidato di centrodestra, il magistrato Stefano Dambruoso, che hanno costituito un comitato a sostegno della candidatura chiamando a presiederlo il prof. Giuseppe Ruggiero, ordinario di procedura penale nell’Università di Bari e già membro laico del Csm.
Anche per Raffaele Fitto si profila una patata bollente. Ma paradossalmente anche il ministro agli affari regionali è costretto per il momento a restare alla finestra in attesa che si sviluppino gli eventi sull’altra sponda, ed in particolare in attesa che l’Udc sciolga definitivamente la riserva. La sensazione è che se l’Udc dovesse confermare la decisione di appoggiare il centrosinistra nella sfida regionale, la scelta cadrebbe su Adriana Poli Bortone, che con i centristi ha stipulato un patto d’azione, allo scopo di rompere definitivamente quel patto. Viceversa potrebbe riprendere quota l’ipotesi di Dambruoso.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: