Skip to content

Elezioni Puglia / Quando la politica tritura i candidati

8 gennaio 2010

Tra la commedia e la tragedia, la politica regionale pugliese in queste ultime settimane. Se il centrosinistra non sta dando un grande spettacolo di sé, avvitato com’è nella manfrina tra Boccia e Vendola, il centrodestra non fa una figura migliore, bruciando un candidato dopo l’altro, a seconda degli umori e dei candidati che si prospettano sul fronte avverso. Si era partiti da nomi distanti dalla politica, ma di eccellenza, come quelli di Stefano Dambruoso e di Antonio Nunziante, specchiato magistrato il primo, eccellente prefetto di Foggia il secondo.  Quindi si è passati per Adriana Poli Bortone. Adesso però torna a prendere quota la possibile candidatura di Rocco Palese,  capogruppo del Pdl nell’ultimo quinquennio. Tutti nomi rispettabilissimi, per carità, e tutte possibili candidatura suffragate da ragioni politiche ineccepibili.
Quel che non quadra è la filosofia che ispira la scelta di questo o quel candidato. Da qualche parte si legge che Dambruoso sarebbe andato bene qualora il centrosinistra avesse schierato un esponente della società civile; che Adriana Poli Bortone funzionerebbe se alla fine l’Udc si alleasse con il centrosinistra (per sottrarre voti sul versante del centro), ma sempre che il candidato avversario non possa fregiarsi dei gallone della “baresità”. Ed ecco quindi tornare in auge Rocco Palese, che la candidatura l’avrebbe meritata tutta, e fin dall’inizio non foss’altro che per la tenacia con cui in questi anni, ha svolto il ruolo di oppositore a Vendola e che è dunque il candidato alla fine più naturale.
Insomma,non si valuta il candidato in sé, per quel che vale come persona, per i valori che esprime, per la sua capacità di proporre ed attuare un programma a servizio dei pugliesi, ma “per l’effetto che fa” nelle file avversarie, per i voti che riesce o meno ad intercettare nel campo avversario.
Si fa decisamente fatica a digerire questa politica che guarda alle persone (e di conseguenza ai valori) come mezzi per raggiungere un fine, quello del potere.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: