Skip to content

D’Alema, da quale pulpito viene la predica

21 gennaio 2010

L’ex premier invita a votare Boccia per ringiovanire la politica

Gli agiografi di Massimo “baffino” D’Alema ricordano che il Nostro ebbe il suo primo incarico politico all’età di nove anni: fu scelto in un congresso sezionale del Pci che si svolgeva davanti a Palmiro Togliatti, come rappresentante dei pionieri. La madre ricorda che volle scriversi da solo il discorso per poi saperlo meglio, e che fece un’ottima figura, tanto da far dire a Togliatti «Capirai, se tanto mi dà tanto questo farà strada». E di strada ne ha fatto: entrando nelle dirigenza locale del Pci appena adolescente, e conquistando ad appena 26 anni il suo primo incarico a livello nazionale: quello, pesantissimo, di segretario nazionale della Fgci.
Da allora, sempre sulla breccia: ministro, segretario nazionale del partito, premier ed ancora ministro. Tutto si può dire di D’Alema ma non che non sia stato sempre sulla breccia. Un monumento alla continuità. Uno che non si è mai tirato indietro, nel vero senza della parola.
Ed eccolo ancora qui, impegnatissimo nella campagna elettorale delle primarie di coalizione del centrosinistra, che domenica prossima riproporranno il duello di cinque anni fa: Boccia, candidato ufficiale del Pd (che allora era la Quercia) versus l’ormai non più outsider Vendola.
“Non facciamo la campagna contro Vendola – ha detto ieri D’Alema – ma una campagna per una nuova coalizione più ampia e per un giovane. Boccia ha 10 anni meno di Vendola. È anche un passagio di testimone a una generazione più giovane che può dare alla Puglia una prospettiva di una alleanza democratica ampia che arriva fino al centro moderato. Noi guardiamo al futuro.”
Non si vede perché il futuro immaginato da D’Alema debba escludere il “vecchio” Vendola, ma debba invece comprendere il “sempreverde” D’Alema. Lo svecchiamento generazionale preconizzato dall’ex premier sarebbe stato molto più credibile, se avesse cominciato a farsi da parte proprio lui.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: