Skip to content

Appalto vigilantes: ecco la storia che ha messo nei guai Ciliberti e la sua giunta

9 febbraio 2010

Nella vicenda sono coinvolti anche tre dirigenti comunali. Secondo la Guardia di Finanza, la gara irregolare ha procurato un danno erariale di un milione e 300.000 euro.

Un’altra mazzata, e non proprio una tegola sull’amministrazione comunale. I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Foggia hanno notificato ieri mattina quindi avvisi di garanzia all’indirizzo dell’ex sindaco di Foggia, Orazio Ciliberti, di undici ex assessori della sua prima giunta, e di tre dirigenti comunali.
Le comunicazioni giudiziari sono state notificate al termine delle indagini preliminari e valgono dunque anche come notifica della conclusione della prima parte del procedimento. È verosimile supporre che nelle prossime settimane il magistrato che sta seguendo la vicenda (Antonio Laronga) deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio degli ex amministratori e dei dirigenti comunali coinvolti.
Sotto inchiesta è finita praticamente tutta la giunta comunale che Ciliberti insediò subito dopo la sua elezione a primo cittadino. Con l’ex sindaco risultano indagati gli ex assessori Angelo Benvenuto, Alfredo Grassi, Ciro Mundi, Giulio Scapato, Raffaele Capocchiano, Claudio Sottile, Giovanni Ricci, Italo Pontone, Assunta Pinto, Michele Del Carmine e Luigi il Grande. L’elenco degli “avvisati” si conclude con tre dirigenti comunali: Matteo Ercolino, Nando Corvino e Antonio Stanchi.
Pesanti i reati che, a diverso titolo, il magistrato che sta coordinando l’indagine ipotizza a carico degli ex amministratori e dirigenti comunali coinvolti: abuso d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici e turbata libertà degli incanti.
SERVIZIO A TRATTATIVA PRIVATA: ERA INVECE NECESSARIA UNA GARA
L’elenco dei reati lascia supporre che il magistrato sospetti che esponenti dell’amministrazione abbiano turbato il regolare svolgimento di una gara d’appalto. E pare che in effetti le indagini abbiano preso le mosse proprio dal carteggio riguardante l’esperimento della trattativa privata con cui, nel 2005, l’amministrazione comunale affidò appalto di guardiania relativo ad immobili comunali, tra cui anche il Palazzo di Giustizia. Secondo gli investigatori, l’affidamento del servizio avrebbe dovuto essere aggiudicato attraverso una regolare gara pubblica, e non tramite una trattativa privata, come sarebbe in realtà accaduto.
Ad occuparsi dei servizi di guardiania degli immobili comunali è stata, dal 2005 fino all’ottobre dell’anno scorso, la società “Luceria Falco s.r.l. con sede a Manfredonia. Le indagini hanno interessato proprio il periodo che va dai primi mesi del 2005 fino ad ottobre 2009.
Secondo quanto sostengono le Fiamme Gialle, l’affidamento irregolare del servizio avrebbe provocato un danno erariale alle casse comunali per un importo stimato in un milione e 300.000 euro.
La Luceria Falco fece parlare di se nei primi giorni del 2007, quando un folto gruppo di dipendenti protestò rumorosamente davanti al municipio, per chiedere il ripristino del servizio, che la civica amministrazione aveva cessato il 31 dicembre del 2006. La sospensione del servizio aveva provocato il licenziamento, da parte dell’impresa appaltatrice di 106 lavoratori. Al Comune erano giunti esposti e denunce da parte di altre aziende , e pare che l’amministrazione si fosse convinta della impossibilità di procedere ad un’ulteriore proroga del servizio.
SERVIZIO SOSPESO: 108 LICENZIAMENTI
Le strutture comunali erano però rimaste incustodite, ed erano stati segnalati danni arrecati alle proprietà comunali, con episodi di vandalismo di cui avevano fatto le spese i container del campo nomadi di Arpinova e la cabina elettrica del nuovo mercato Arpi. Cosa sia successo dopo è difficile da capire anche perché, leggendo l’elenco degli amministratori raggiunti dall’avviso di garanzia, e tutti facenti parte del primo esecutivo guidato da Orazio Ciliberti, la vicenda parrebbe riferirsi al 2005, ovvero al primo affidamento del servizio alla Luceria Falco.
Una nuova gara è stata effettivamente indetta a dicembre  dicembre 2008, si trattava  di una una gara triennale per l’assegnazione dei servizi di portierato, guardiania e reception per alcuni immobili comunali. L’appalto è stato assegnato nei primi mesi del 2009, ma qualche mese dopo il suo insediamento l’attuale amministrazione comunale, resasi conto che mancava la copertura finanziaria relativa al 2010, ha revocato il provvedimento con una delibera di giunta di fine ottobre 2009. Una parte di questi servizi, ritenuti essenziali come la guardiania a Palazzo di Giustizia e ai mercati, è stata affidata a delle cooperative che già operavano con l’amministrazione comunale.
Una vicenda intricatissima, che è piombata a Palazzo di Città come un fulmine a ciel sereno: nessuno dei politici avvisati siede più in giunta, anche in ossequio al principio di discontinuità voluto dall’attuale sindaco, ma diversi degli amministratori comunali coinvolti seggono tra i banchi del consiglio comunale, circostanza che sicuramente non migliora lo stato di salute dell’amministrazione nel suo complesso, alla prese con una difficile eredità, non soltanto finanziaria, ma anche giudiziaria.
La scorsa settimana aveva provocato scalpore la notizia degli avvisi di garanzia emessi dalla procura della Repubblica di Foggia – anche in questo caso dopo indagini condotte dai militare del comando provinciale della Guardia di Finanza, nei confronti degli ex amministratori dell’Amica e dei direttori generali dell’azienda speciale che si occupa del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.
C’è tuttavia chi ha smentito la notizia. In un commento postato sul blog del Quotidiano di Foggia l’ex assessore al decentramento, Gigi Il Grande,  afferma di essere del tutto all’oscuro di comunicazioni giudiziarie al suo indirizzo.
Annunci
One Comment leave one →
  1. gigi Il Grande permalink
    10 febbraio 2010 10:51

    in data 8 febbraio alle ore 20,20 mi è stata notificata l’informazione di garanzia.
    Giusto comunicarvelo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: