Skip to content

Il governo Berlusconi penalizza la Capitanata

28 febbraio 2010

La processione si vede quando si ritira, dicono i vecchi saggi.  La processione condotta dal presidente del consiglio in riferimento alla Capitanata è quanto mai deludente.  Alle beffe che già si sono consumate sulla pelle della Puglia settentrionale,  si aggiunge adesso quella del mancato riconoscimento dello stato di crisi all’agricoltura pugliese,  che priverà i produttori di una boccata d’ossigeno di fronte ad una delle più gravi crisi che il settore abbia vissuto negli ultimi decenni.
Al brutto scherzo del taglio dei fondi del piano irriguo nazionale che ha fatto praticamente saltare la costruzione della diga di Piano dei Limiti,  all’esasperante ritardo con cui si sta – o meglio,  non si sta – procedendo all’avvio dell’agenzia nazionale per la sicurezza alimentare  a Foggia,  si aggiunge adesso quest’altro schiaffo.  Che fa male, anzi,  malissimo.
La vicenda sta suscitando una polemica durissima,  perché,  formalmente,  il Ministero delle Politiche Agricole ha bocciato la richiesta dello stato di crisi in quanto “appoggiata”  – come spiega il Ministero  – a “una disposizione normativa inapplicabile perché‚ non autorizzata dalla Commissione europea”. Tanto è bastato ad innescare una polemica elettorale tanto dura quanto poco rispettosa del dramma che gli agricoltori stanno vivendo.
Da parte del centrodestra si punto il dito contro la giunta e la burocrazia regionale,  che vengono accusate di non saper compilare nemmeno i moduli.  Da parte del centrosinistra si ribatte che il ministro Zaia gioca sulla pelle dei produttori agricoli pugliesi. Che forse sono stanchi di questo gioco a rimpiattino,  e chiedono semplicemente che i loro diritti vengano rispettati.
Alla provincia di Foggia va anche peggio,  perché non solo gli agricoltori non riceveranno, almeno per il momento,  le provvidenze che possono scongiurare la chiusura di tante aziende.  Non avranno neanche l’acqua della seconda diga sul Fortore,  e dovranno attendere chissà ancora per quanto tempo il decollo dell’agenzia nazionale per la sicurezza alimentare,  che potrebbe rappresentare un grande strumento di rilancio del comparto primario.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: