Skip to content

Foggia assenti o quasi ai vertici del Pd pugliese: non contiamo più niente

1 marzo 2010

Come sono lontani di tempi di Di Vittorio, Grieco, Russo e Tatarella. Che smacco per il Pd di Capitanata: trenta componenti il direttivo regionali, soltanto un foggiano.

C’era una volta che la federazione provinciale del Pci di Capitanata era tra le più potenti del Mezzogiorno: per numero di iscritti, perla sua capacità di portare avanti battaglie politiche importanti, e non a caso vi avevano militato personaggi del calibro di Giuseppe Di Vittorio (che passato al alla Cgil ne sarebbe diventato segretario nazionale) e Ruggero Grieco, che durante il periodo della clandestinità fu segretario nazionale del Pci.
Non se la passava tanto peggio il partito che era allora il più fiero avversario dei comunisti, ovvero la Democrazia Cristiana, i cui esponenti foggiani dovevano guardarsi dalla forte concorrenza barese, ma comunque sapevano negoziare e contare, tanto da arrivare ad occupare incarichi ministeriali, con Vincenzo Russo, e importanti sottosegretariati, con lo stesso Russo e con Gustavo De Meo, che fu sottosegretario alla presidenza del consiglio nel governo Tambroni.
Altri tempi, ed altra politica. Adesso che le due grandi anima della politica di allora sono convolate a nozze dando vita al Partito Democratico, il peso specifico dei foggiani nel nuovo soggetto politico si è alleggerito al di là di ogni ragionevole timore. Così tanto da scomparire quasi del tutto.
L’altro sera, l’assemblea regionale del Pd  ha eletto all’unanimità la direzione regionale e l’ufficio politico che, insieme alla segreteria, costituiranno gli organismi dirigenti del partito in Puglia. I membri dei diversi organismi sono una trentina in tutto: di foggiani, però, ce n’è soltanto uno, Gianluca Ruotolo, chiamato a fare parte della segreteria regionale.
In semola Pd, la rappresentanza politica foggiana è praticamente inesistente, e comunque assai più bassa di quanto non fosse prima della nascita del nuovo partito. L’ultimo segretario regionale dei Democratici di Sinistra, Michele Bordo, era di Manfredonia. E la Margherita foggiana contava una discreta presenza nei vertici regionali pugliesi.
Un autentico smacco, per il Pd di Capitanata che forse in qualche modo sconta la leggerezza della propria classe dirigente in provincia di Foggia.
Le cose per la politica foggiana non vanno molto meglio neanche in casa del Pdl, anche nel maggior partito del centrodestra sembrano lontani i tempi in cui la destra foggiana aveva espresso personaggio come Pinuccio Tatarella, vicepresidente del consiglio dei ministri nel primo governo Berlusconi. Il varo dei nuovi soggetti politici  non ha giovato alla classe politica foggiana, che sembra, tutto sommato, essere rimasta spiazzata dal “nuovo che avanza”. E non è forse un caso che i politici foggiani contino di più nei partiti che sono rimasti più “fedeli alla linea”: Franco Di Giuseppe è vicesegretario regionale dell’Udc, Lello Di Gioia è segretario regionale del Psi. Per il resto, e nei maggiori partiti, è notte fonda. Di questo passo,e con i sistemi elettorali vigenti non c’è di che gioire per quanto riguarda il futuro della provincia di Foggia che, piaccia o meno, passa per la capacità della politica di contare,e di trovare risposte ai grandi ritardi infrastrutturali ed economici che angustiano la provincia di Foggia.
La classe politica foggiana negli ultimi decenni non ha quasi mai saputo imporsi livello regionale e nazionale ed è questa la chiave per capire la ragione per cui, dall’istituzione della Regione (1970) ad oggi, mai nessun foggiano è riuscito a diventare presidente della Regione, e perché i problemi. Non ci si deve poi stupire più di tanto se restano appesi problemi annosi come la realizzazione della diga di Piano dei Limiti (finanziamenti tagliati dal Governo), o la costruzione della seconda pista all’aeroporto Lisa, o il completamento della superstrada Garganica, o il decollo dell’authority agroalimentare, che il Governo continua ad osteggiare, nonostante i ripetuti deliberati del parlamento.
Il “peso” di una classe politica si ostruisce proprio “contando” a livello regionale e nazionale. Ma la nostra classe politica non conta niente, e lo  smacco subito dal Pd di Capitanata ne è l’ennesima dimostrazione.
Annunci
One Comment leave one →
  1. Nico Baratta permalink
    5 marzo 2010 11:40

    Ritengo una grave mancanza del PD di Foggia non aver dato l’impronta della sua natura.
    Un solo componente è ridicolo, e lo è anche alla luce delle vicende interne che vede il partito espressione di minoranze, non rappresentate da Foggia.
    L’amico Gianluca sa il fatto suo e sono sicuro che saprà fare bene ma è l’espressione di una parte del PD foggiano.
    Il rammarico vero che ancora una volta Foggia è e sarà relegata a essere secondaria nelle decisoni regionali. E’ un dato di fatto politico, istituzionale, ammnistrativo. Insomma, noi foggiani non siamo capaci di esprimere esponenti capaci di far valere la Capitanata. Colpa della classe poitica che ci rappresenta o della loro incuranza per il Territorio a fronte di facili poltrone? Io sono per la seconda ipotesi giacché sono anni che abbiamo sempre gli stessi volti e che, noi testardamente, gli diamo il mandato. Giovani in politica, idee nuove e al passo con i tempi, che rilancino il Territorio. Con le prossime regionali si è visto ancora una volta il saltinbanco di candidati pur di avere la leadership nelle liste o la candidatura e questo in tutti partiti. Foggia ha bisogno di rinnovarsi politicamente, ha bisogno di persone che diano incisività alla politica locale e che si facciano strada negli organismi di partito. Il PD, a mio malincuore, non è riuscito a far questo e la dimostrzione è la solitaria militanza di Ruotolo. Caro PD, se vuoi contare a livello regionale, devi rinnovarti e rinnovare la tua classe politica, dando fiducia a nuove leve. Te lo dice un tuo iscritto che non finirà mai di bacchettarti . Ricordalo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: