Skip to content

L’arresto di Frisullo: se le mazzette vengono sostituite dalle escort

19 marzo 2010

A leggere le cronache di questi giorni si ha l’impressione che l’orologio del tempo sia tornato indietro, agli anni bui di Tangentopoli,  quando l’inchiesta di Manipulite  segnò la fine della prima Repubblica, e sembrò innescare una nuova era di onestà e di trasparenza nei comportamenti della politica e della pubblica amministrazione.
La profluvie di arresti, di avvisi di garanzia, di indagini che coinvolge la pubblica amministrazione a tutti i livelli è tale da mettere a nudo un tristissimo dato di fatto: la corruzione è tutt’altro che estirpata. E forse le cose stanno, oggi, peggio ancora di allora per alcune ragioni che proviamo ad elencare.
La prima è che l’alternanza di governo non ha arricchito la politica, ma l’ha ancora di più intorbidita. All’epoca si sono potuti in qualche modo chiamare fuori i partiti, come il Pci o l’Msi che non erano mai stati al governo. Oggi quei partiti non esistono più, i loro eredi sono finiti al governo e, cronache alla mano la corruzione si presenta come un fenomeno assolutamente bipartizan.
La seconda ragione è che prima ci si corrompeva spesso per finanziare illecitamente il sistema dei partiti. Il che era ed è comunque un reato, ma che trova alimento e ragion d’essere in ragioni, per così dire, collettive. Oggi è venuto meno perfino quest’alibi: ci si corrompe per appagare un appetito sessuale, uno sfizio: le ragazze escort hanno sostituito le mazzette.
La terza ragione è che pochi si sognavano di protestare nei confronti di chi era chiamato a far rispettare le regole del gioco, ovverosia la magistratura. Un avviso di garanzie rappresentava una ragione sufficiente per non candidarsi, per lasciare la politica. Qualcuno ha pagato di persona, arrivando perfino a suicidarsi. Oggi non fanno più specie neanche le condanne. E, peggio ancora, la magistratura viene delegittimata proprio da quanti detengono responsabilità di governo.
La quarta ragione, la più amara di tutte, è che stiamo forse perdendo la capacità di indignarci, di incazzarci. Del resto, fu proprio questo il limite della stagione di tangentopoli e della mani pulite: le rivoluzioni, piccole o grandi che siano, spettano alla politica, e non alla magistratura. Che allora fece quel che poté: avrebbe dovuto essere la politica a rigenerarsi. Ma non è accaduto. E forse, stavamo meglio quando stavamo peggio.

Annunci
One Comment leave one →
  1. 20 marzo 2010 09:05

    Nel caso dell’ex vice-presidente della giunta pugliese vendola, non si parla solo di escort e di capi di vestiario costosi, ma anche di versamenti mensili di 12.000,00 euro che sarebbero stati versati dal Tarantini al Frisullo.
    Del caso Tedesco invece, sembra si siano perse le tracce.
    A proposito, qualcuno sa che fine ha fatto il decreto anti-corruzione?
    Signor Berlusconi?
    Signor Bersani?
    Signor Fitto?
    Signor Vendola?
    Signor Boccia?
    Interrogato il morto, nessuno rispose ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: