Skip to content

La società civile in piazza / Nasce Vialibera / Cittadini alla riscossa

22 aprile 2010

L’opinione pubblica è stufa dei ritardi delle amministrazione locali sul tema della manutenzione e della sicurezza stradale. E si organizza

Com’è già successo per il combattivo gruppo di Manuel Marzocca, che lotta per la sistemazione della famigerata ex statale delle Saline, anche lo storico gruppo di Facebook che si batte per la messa in sicurezza delle strade provinciali dell’Appennino Dauno, si trasforma, si evolve, e diventa un’associazione vera e propria. Nasce così Vialibera, che vede alla presidenza Marianna Onorato, fondatrice dello storico gruppo (è stato il primo, su Facebook, ad occuparsi di un tema così importante quale quello della viabilità e della sicurezza stradale.

L’associazione è nata allo scopo di “sollecitare le amministrazioni pubbliche competenti ad ottemperare al dovere di manutenzione ordinaria e straordinaria del manto stradale e a porre in essere ogni provvedimento idoneo alla realizzazione di collegamenti stradali e alla loro messa in sicurezza anche laddove essa è compromessa da fattori quali il dissesto idrogeologico.” Vialibera si ripropone anche “di promuovere attraverso sollecitazioni alle autorità competenti la realizzazione di infrastrutture finalizzate al miglioramento dei collegamenti stradali, in virtù dei benefici in termini di sicurezza e di sviluppo economico e quindi di qualità della vita delle popolazioni residenti”. A sostenere l’ambizioso programma sarà un consiglio direttivo composto da Marianna Onorato (presidente), Anna Maria Tatarella (segretario), Pasquale Venditti (tesoriere),  Michele Maselli e Raffaele Cardillo. La speranza è che l’associazione possa contare nel medio termine sullo stesso numero di adesioni ottenute dal gruppo, quasi 2.500.

Una notizia importante, testimonianza della volontà della società civile – sempre esaltata dal nostro giornale – a partecipare, a scendere in piazza, soprattutto quando si cerca di tutelare valori sostanziali come quello della vita e della sicurezza.

Non è un caso che a manifestare una tale capacità di aggregazione siano i problemi quotidiani, troppo spesso elusi e trascurati dalla politica: i problemi quotidiani come le strade, o l’arredo urbano, o la vivibilità di un quartiere. Piccole cose, si dirà, ma da cui dipende molta parte della vita quotidiana di tutti noi.

Annunci
One Comment leave one →
  1. Marianna Onorato permalink
    22 aprile 2010 12:33

    GRAZIE! CIO’ CHE SPERO E’ CHE LE ADESIONI A VIALIBERA SIANO NUMEROSE: SOLO SE RAPPRESENTIAMO UNA CONSIDEREVOLE FETTA DELLA POPOLAZIONE ABBIAMO RAGIONE D’ESSERE E D’AGIRE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: