Skip to content

Due gruppi e migliaia di iscritti per dire no al petrolio alle Tremiti / Il popolo di facebook si mobilita e non solo virtualmente

25 aprile 2010

Ieri la manifestazione popolare a Lesina, promossa dal Comitato per la difesa del mare del Gargano

Quattromila duecento iscritti l’uno, quasi 2.300 aderenti l’altro. Due gruppi Facebook per dire no all’ipotesi di trivellare i fondali delle Isole Tremiti alla ricerca di petrolio, una ipotesi che è purtroppo divenuta una concreta possibilità dopo che il parere favorevole di valutazione dell’impatto ambientale rilasciato dal Ministero dell’Ambiente alla multinazionale che ha chiesto di poter effettuare le trivellazioni.
Il popolo di Facebook si mobilita, e non solo virtualmente.
Ieri si è svolta la manifestazione popolare “No al petrolio nel mare del Gargano”. La scelta di Lesina non è casuale: gli organizzatori hanno voluto infatti richiamare l’attenzione sui tanti scempi ambientali tuttora aperti sul Gargano, che vedono i suoi aspetti più critici proprio a Marina di Lesina, sul cui litorale da anni è incagliato il relitto della Eden V. I partecipanti sono partiti verso il canale Acquarotta, in località “Bosco Isola”, per poi raggiungere  la zona della nave “Eden V”, dove si è svolta un’iniziativa simbolica e pacifica e l’incontro con i giornalisti e i rappresentanti istituzionali intervenuti.
L’iniziativa è stata promossa dal Comitato per la tutela del mare del Gargano che domenica scorsa ha lanciato un accorato appello affinché i Sindaci dei comuni del Gargano, il Presidente del Parco Nazionale del Gargano, le istituzioni della Capitanata, i consiglieri provinciali, regionali e i parlamentari della Capitanata, le associazioni ambientaliste locali e nazionali, l’Associazionismo Attivo del Gargano, il mondo della cultura, la società civile, le forze produttive, il mondo sindacale, mettessero in campo tutte le iniziative democratiche possibili affinché il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, nonostante il parere positivo espresso dall’ufficio di valutazione di impatto ambientale, non firmi l’autorizzazione a sondare, ai fini della ricerca di petrolio il mare del Gargano.
Un appello che, una volta tanto non è caduto nel vuoto, tant’è che in una nota diffusa alla stampa, il comitato ha ringraziato “le numerosissime forze istituzionali, politiche, culturali, produttive, sociali che dal Gargano, dalla Capitanata, dalla Puglia intera” che hanno raccolto l’appello, “affinché il polo di attrazione ambientale e turistico del Gargano non diventi un distretto petrolifero con gravi ripercussioni negative scontate sulla salute pubblica, sull’ambiente del territorio, sulle possibilità di sviluppo sostenibile dell’economia.”
Due, come si è detto, i gruppi che sono spontaneamente sorti sulla questione: c’è anche la possibilità di sottoscrivere una petizione on line.
“No alle trivellazioni petrolifere nel mare del Gargano” ha raggiunto in poche ore 4.200 iscritti, una cifra veramente record che attesta il clima generale di mobilitazione attorno alla vicenda. Promosso dal Comitato per la difesa del mare del Gargano, il gruppo è stato fondato Armando Quaglia, ed è amministrato da Enzo Pazienza, Gianfranco Eugenio Pazienza, Matteo Vocale, Rita Notarangelo, Giuseppe Bruno, Antonietta Martella, Michele Eugenio Di Carlo.
Nella bacheca del gruppo è possibile ricevere praticamente in tempo reale tutti gli aggiornamenti sulla incredibile storia, e sulle iniziative per indurre il Ministro a non rilasciare l’autorizzazione.
L’altro gruppo, che ha tra i suoi iscritti anche il Presidente provinciale dell’Ordine dei Medici, Salvatore Onorati, si chiama NO…!! No alle trivellazioni alle Isole Tremiti“. È fondato da Nicola Massimo Giannatiempo e Roberta D’Alò. Accedendo alla bacheca è possibile anche sottoscrivere una petizione on line.

a.d.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. Associazione Elefante20 permalink
    25 aprile 2010 11:11

    L’associazione di promozione sociale “Associazione Elefante20”, con un organico già da anni attivo nel campo della tutela dell’amiente e la promozione di politiche sociali e culturali ad essa legate,essendo da tempo al corrente di questa imminente “catastrofe” ambientale che interesserà l’intera area Garganica, ha progettato e sta realizzando un evento capace di contrastare questa destinazione d’uso a cui sembra destinata la nostra costa.
    Costruendo una rete di associazioni sparse su tutto il territorio nazionale, in stretta collaborazione con la realta associativa del comprensorio Garganico, l’ Associazione Elefante20 con il suo progetto, si propone di creare nuove opportunità di sviluppo turistico Sipontino e del Gargano intero, e di agire, al contempo, da educatore civico del territorio.
    Il progetto nasce con l’intento di promuovere cultura e turismo nell’area Sipontina e nel Gargano. Obiettivo è dar vita ad un “contenitore” di eventi, laboratori, corsi, incontri, atelier creativi, gestiti insieme da un network di altre associazioni ed imprese giovanili già coinvolte in fase di progettazione, (musica, danza, fotografia, arti pittoriche, sport, ecc.) da svilupparsi nel comprensorio del territorio del Gargano durante l’intero periodo dell’anno solare ed avente come fulcro un festival.
    Il festival, che si svolgerà nella stagione estiva, periodo di massima espressività di questa area, viene inteso come operazione di rilancio turistico del territorio e di valorizzazione delle sue tradizioni.
    Il festival è stato pensato come appuntamento di spicco dell’estate Garganica, in grado di garantire visibilità e di attrarre sul territorio un turismo di tipo culturale, rappresentato da appassionati di musica e di arti performative e visive, con l’obiettivo di contribuire al rilancio del turismo attraverso eventi e iniziative diffusi sul territorio.
    L’idea e’ quella di lavorare su due fronti paralleli: da una parte invitando artisti di fama nazionale e internazionale, capaci di canalizzare interesse e garantire un alto standard artistico, dall’altra coinvolgendo numerosi artisti locali e offrendo loro l’opportunità di esibirsi in un contesto di ampia visibilità.
    L’intenzione, infatti, e’ quella di creare una rete territoriale che sappia mettere in contatto le numerose realtà che già operano a livello locale e che possa rappresentare un’opportunità di promozione per i talenti, per le associazioni e per i gruppi socio-culturali esistenti.
    Il festival prevede attività diurne e iniziative serali e notturne.
    Il festival sarà anche il luogo della sperimentazione, garantendo spazi ad artisti che attraversano le diverse discipline musicali, artistiche e sportive. Sono, quindi, previste manifestazioni sportive, manifestazioni culturali, letture di testi con accompagnamento musicale, installazioni sonore, esibizioni musicali che mescolano jazz, pop, reggae ed elettronica.
    Lo scopo di questo progetto è quello di reperire fondi per lo sviluppo della zona e per l’attivazione di laboratori di educazione ambientale che andranno ad interessare gli studenti di ogni grado dell’intero territorio Garganico.
    Il progetto nasce con l’idea di diventare un appuntamento di richiamo nazionale ed internazionale e dai forti contenuti culturali, che sappia pure essere una vetrina importante per tutte le realtà artistiche locali coinvolte. Con questo obiettivo, il festival ricercherà nel panorama artistico nazionale ed internazionale personalità capaci di convogliare interesse, garantire qualità e richiamare possibili investimenti.
    Il festival si svolgerà nell’arco di 7 giornate, dislocandosi in diverse aree del Gargano con base situata sul litorale a sud di Manfredonia. Questo appuntamento non ha precedenti in Italia, coniugando una vocazione squisitamente culturale e spettacolare ad un forte progetto di salvaguardia e valorizzazione del territorio. Negli ultimi 20 – 30 anni, tuttavia, sono stati avviati, nel nostro Paese e all’estero, numerosi progetti, articolati in festival, che sono riusciti ad imporsi rapidamente anche grazie ad un intenso legame con il territorio. Lo dimostra il successo di festival come: Arezzo Wave, La Notte della Taranta Salentina, Rototom SunSplash di Osoppo, Porretta Soul Festival, Pistoia Blues, Umbria Jazz, Carpino Folk Festival.

    Un evento di questo tipo rappresenterebbe un’occasione unica di visibilità per tutto il Gargano, capace di convogliare energie, investimenti e creatività da spendere sul territorio per un tempo ben più esteso delle sette giornate di festival.
    Nei prossimi giorni ci sarà la presentazione di questo progetto agli organi di stampa e mass-media in generale, grazie a questa azione l’ Associazione Elefante20 rivolgera’ un appello a tutte quelle realta’ associative, istituzionali, imprenditoriali e giovanili ancora non coinvolte nel progetto e desiderose di partecipazione attraverso qualsiasi tipologia di azione a favore del Gargano e la sua natura.
    ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE
    “ASSOCIAZIONE ELEFANTE20”
    C.so Manfredi 69
    71043 Manfredonia (FG)
    C.F. : 92038320716
    mobile: +39 349 36 99 732
    ruggerofarano@gmail.com
    ass.elefante20@gmail.com

  2. Associazione Elefante20 permalink
    25 aprile 2010 17:29

    L’associazione di promozione sociale “Associazione Elefante20”, con un organico già da anni attivo nel campo della tutela dell’amiente e la promozione di politiche sociali e culturali ad essa legate,essendo da tempo al corrente di questa imminente “catastrofe” ambientale che interesserà l’intera area Garganica, ha progettato e sta realizzando un evento capace di contrastare questa destinazione d’uso a cui sembra destinata la nostra costa.
    Costruendo una rete di associazioni sparse su tutto il territorio nazionale, in stretta collaborazione con la realta associativa del comprensorio Garganico, l’ Associazione Elefante20 con il suo progetto, si propone di creare nuove opportunità di sviluppo turistico Sipontino e del Gargano intero, e di agire, al contempo, da educatore civico del territorio.
    Il progetto nasce con l’intento di promuovere cultura e turismo nell’area Sipontina e nel Gargano. Obiettivo è dar vita ad un “contenitore” di eventi, laboratori, corsi, incontri, atelier creativi, gestiti insieme da un network di altre associazioni ed imprese giovanili già coinvolte in fase di progettazione, (musica, danza, fotografia, arti pittoriche, sport, ecc.) da svilupparsi nel comprensorio del territorio del Gargano durante l’intero periodo dell’anno solare ed avente come fulcro un festival.
    Il festival, che si svolgerà nella stagione estiva, periodo di massima espressività di questa area, viene inteso come operazione di rilancio turistico del territorio e di valorizzazione delle sue tradizioni.
    Il festival è stato pensato come appuntamento di spicco dell’estate Garganica, in grado di garantire visibilità e di attrarre sul territorio un turismo di tipo culturale, rappresentato da appassionati di musica e di arti performative e visive, con l’obiettivo di contribuire al rilancio del turismo attraverso eventi e iniziative diffusi sul territorio.
    L’idea e’ quella di lavorare su due fronti paralleli: da una parte invitando artisti di fama nazionale e internazionale, capaci di canalizzare interesse e garantire un alto standard artistico, dall’altra coinvolgendo numerosi artisti locali e offrendo loro l’opportunità di esibirsi in un contesto di ampia visibilità.
    L’intenzione, infatti, e’ quella di creare una rete territoriale che sappia mettere in contatto le numerose realtà che già operano a livello locale e che possa rappresentare un’opportunità di promozione per i talenti, per le associazioni e per i gruppi socio-culturali esistenti.
    Il festival prevede attività diurne e iniziative serali e notturne.
    Il festival sarà anche il luogo della sperimentazione, garantendo spazi ad artisti che attraversano le diverse discipline musicali, artistiche e sportive. Sono, quindi, previste manifestazioni sportive, manifestazioni culturali, letture di testi con accompagnamento musicale, installazioni sonore, esibizioni musicali che mescolano jazz, pop, reggae ed elettronica.
    Lo scopo di questo progetto è quello di reperire fondi per lo sviluppo della zona e per l’attivazione di laboratori di educazione ambientale che andranno ad interessare gli studenti di ogni grado dell’intero territorio Garganico.
    Il progetto nasce con l’idea di diventare un appuntamento di richiamo nazionale ed internazionale e dai forti contenuti culturali, che sappia pure essere una vetrina importante per tutte le realtà artistiche locali coinvolte. Con questo obiettivo, il festival ricercherà nel panorama artistico nazionale ed internazionale personalità capaci di convogliare interesse, garantire qualità e richiamare possibili investimenti.
    Il festival si svolgerà nell’arco di 7 giornate, dislocandosi in diverse aree del Gargano con base situata sul litorale a sud di Manfredonia. Questo appuntamento non ha precedenti in Italia, coniugando una vocazione squisitamente culturale e spettacolare ad un forte progetto di salvaguardia e valorizzazione del territorio. Negli ultimi 20 – 30 anni, tuttavia, sono stati avviati, nel nostro Paese e all’estero, numerosi progetti, articolati in festival, che sono riusciti ad imporsi rapidamente anche grazie ad un intenso legame con il territorio. Lo dimostra il successo di festival come: Arezzo Wave, La Notte della Taranta Salentina, Rototom SunSplash di Osoppo, Porretta Soul Festival, Pistoia Blues, Umbria Jazz, Carpino Folk Festival.

    Un evento di questo tipo rappresenterebbe un’occasione unica di visibilità per tutto il Gargano, capace di convogliare energie, investimenti e creatività da spendere sul territorio per un tempo ben più esteso delle sette giornate di festival.
    Nei prossimi giorni ci sarà la presentazione di questo progetto agli organi di stampa e mass-media in generale, grazie a questa azione l’ Associazione Elefante20 rivolgera’ un appello a tutte quelle realta’ associative, istituzionali, imprenditoriali e giovanili ancora non coinvolte nel progetto e desiderose di partecipazione attraverso qualsiasi tipologia di azione a favore del Gargano e la sua natura.
    ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE
    “ASSOCIAZIONE ELEFANTE20”
    C.so Manfredi 69
    71043 Manfredonia (FG)
    C.F. : 92038320716
    mobile: +39 349 36 99 732
    ruggerofarano@gmail.com
    ass.elefante20@gmail.com

  3. 26 aprile 2010 13:34

    Siete sicuri di potervelo permettere?

    • quotidianofoggia permalink*
      26 aprile 2010 19:21

      Interessante, la tesi: ti riferisci all’eventualità che il petrolio venga effettivamente trovato?

  4. 27 aprile 2010 20:54

    esatto.
    per un territorio che vive un benessere relativo la scoperta di un giacimento di gas naturale e/o petrolifero sarebbe come fare 6 al superenalotto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: