Skip to content

Cari sindacati, questa volta dissentiamo

28 aprile 2010

Non siamo d’accordo con le organizzazioni sindacali aziendali dell’Amica. Condividiamo molti dei rilievi mossi (veramente più al Comune, che non al management aziendale) nel comunicato stampa in cui le rappresentanze Cgil, Cisl,  Uil, Ugl e Fiadel hanno dichiarato guerra all’amministrazione comunale ed ai vertici aziendali, minacciando il blocco dei servizi, qualora l’azienda non venisse ricapitalizzata.
Condividiamo l’obiettivo finale dell’iniziativa sindacale, che è quello di far affluire – appunto attraverso la ricapitalizzazione – nuove e fresche risorse nelle casse aziendali, ormai drammaticamente asciutte.
Ma non condividiamo la minaccia di ricorrere al blocco dei servizi  perché metterebbe in ginocchio la città, non risolverebbe il problema, anzi lo aggraverebbe.
Per affrontare i sempre più acuti problemi che angustiano Palazzo di Città in modo serio, efficace, vale la pena ricordare alcuni aspetti basilari che sembrano sfuggire al sindacato: 1) la mancata (o ritardata) ricapitalizzazione non è la conseguenza di una mancanza di volontà politica, ma è determinata dal fatto – drammatico – che le casse del Comune sono al verde; 2) nella voragine finanziaria non hanno alcuna responsabilità né il sindaco Mongelli, né l’amministratore unico Di Bari che stanno facendo l’impossibile per raddrizzare la situazione; 3) nel loro atto di accusa i sindacati puntano l’indice verso i sindaci di oggi e di ieri, ma nulla dicono nei confronti  dei vecchi consigli di amministrazione dell’Amica, che hanno sicuramente più responsabilità del Comune per la situazione in cui è precipitata l’azienda.
Vorremmo, per esempio, sapere dalle organizzazioni sindacali cosa pensano del concorso che il vecchio consiglio di amministrazione aveva bandito (senza regolare copertura finanziaria), in una situazione già compromessa dal punto di vista finanziario.

Annunci
One Comment leave one →
  1. Mario Paciello permalink
    29 aprile 2010 12:37

    Sono d’accordo con il vostro articolo, i sindacati non denunciano lo spreco della vecchia amministrazione solo perché sono anche loro coinvolti nello sperpero delle finanze dell’azienda e ai propri interessi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: