Skip to content

Frana di Montaguto: indagini su presunte irregolarità amministrative

2 maggio 2010

Può mai una frana “annunciata” come quella di Montaguto determinare l’interruzione dei collegamenti ferroviari e stradali, nonostante tutto i soldi che sono stati spesi fino ad oggi? È probabilmente questo l’interrogativo cui intende rispondere l’indagine avviata dai Carabinieri di Ariano Irpino, che  hanno compiuto un vero e proprio blitz nel cantiere dove si sta lavorando nel tentativo di bloccare il movimento franoso ed avviare gli interventi di messa in sicurezza della collina.
Lo riferisce il portale gemellato al Quotidiano di Foggia, Montaguto.com, in un servizio che è un autentico capolavoro di giornalismo, e di eccellenza informativa.
Michele Pilla, responsabile del portale riferisce di Blitz dei carabinieri sulla frana di Montaguto di “un’attività di controllo capillare all’interno e all’esterno del cantiere sul versante Greci-Savignano” operata “dagli uomini del Nucleo Investigativo di Avellino e della Compagnia di Ariano Irpino, guidati dal capitano Pasquale D’Antonio”.
Secondo quanto scrive Pilla sono stati “controllati operai, documentazione e mezzi per verificare che le imprese siano in regola, così come i contratti. Il blitz è stato deciso dal prefetto di Avellino Ennio Blasco. Sembra che siano state riscontrate anomalie relative al passato: si parla di subappalti irregolari. Tutto questo, dunque, non fa che confermare l’ipotesi di un’indagine in corso da parte della Procura della Repubblica di Ariano Irpino, con un fascicolo aperto da parte del procuratore Luciano D’Emmanuele.”
“Tutto questo – scrive ancora Montaguto.com – arriva subito dopo un esposto di Giovanni Maraia (Ariano in movimento), indirizzato al Procuratore di Ariano e a quello della Corte dei Conti di Napoli. Secondo Maraia, occorre ascoltare attentamente il professor Francesco Maria Guadagno, geologo della Protezione Civile Nazionale, secondo il quale tutte le sue indicazioni tecniche, date nel 2006, sono state disattese. “Ha dichiarato che in quattro anni non è mai stato compiuto niente per mettere in sicurezza la frana – si legge nel testo di Maraia -. Ritengo che quanto dichiarato dal dott. Guadagno sia una conferma di ciò che vi ho esposto e in particolare dello spreco di 5 milioni di euro. Sarebbe importante che il dott. Guadagno venisse ascoltato dal Procuratore della Repubblica di Ariano e dal Procuratore della Corte dei Conti di Napoli, quale persona informata dei fatti relativi alla frana di Montaguto, al fine di accertare se vi è stata una precisa volontà a non bloccare la frana – conclude Maraia -, per favorire i lavori di movimento terra nella parte terminale della stessa frana”.”

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: