Skip to content

Foggia, bilanci con il batticuore a Comune e Provincia

7 giugno 2010

Palazzo di Città per far quadrare i conti, Palazzo Dogana per ritrovare la maggioranza. Alla Provincia fallisce la trattativa per il ritorno dell’Udc. La Destra verso l’uscita dalla maggioranza.

Se a Palazzo di Città l’approssimarsi della discussione consiliare del bilancio di previsione turba i sonni della maggioranza per la difficoltà di far quadrare i conti e scongiurare l’ipotesi del dissesto finanziario, a Palazzo Dogana l’appuntamento con il documento finanziaria è assai più tranquillo sotto il profilo contabile, ma molto più effervescente dal punto di vista politico.
I due palazzi, che nonostante le differenti maggioranze politiche da cui sono retti (centrosinistra con l’Udc al municipio, centrodestra senza l’Udc alla Provincia), hanno trovato una positiva coesione per chiedere tutti assieme la “restituzione” dell’Agenzia nazionale per sicurezza alimentare, sono accomunati anche dalla prospettiva di appuntamenti consiliari difficili, per quanto riguarda l’esame dei bilanci di previsione.
Nell’uno e nell’altro caso, va detto che si giunge all’esame di atti che dovrebbero essere programmatici con un pesantissimo ritardo. La scadenza ultima prevista dalla legge, pena il commissariamento dell’amministrazione e lo scioglimento del consiglio, è la fine di giugno. Ma come si possono adottare atti programmatici qualificati e pregnanti, a giugno, e cioè a metà dell’esercizio finanziario? Vale la pena rilevare che quello di fine giugno è il termine ultimo. Nulla impediva al Comune ed alla Provincia di mettere prima in agenda la discussione, ma non è successo, per le ragioni che abbiamo succintamente illustrato all’inizio.
Della situazione di Palazzo di Città, ci siamo ripetutamente occupati nei giorni passati. Se l’opposizione di centrodestra ha formalmente chiesto la dichiarazione del dissesto finanziario, la maggioranza è sufficientemente coesa nel voler andare avanti senza prendersi carico di una decisione che in prospettiva potrebbe rilanciare le casse comunali, ma che nell’immediato si scaricherebbe in maniera pesantissima sui cittadini e sulle loro tasche, in quanto comporterebbe automaticamente l’allineamento al massimo consentito dalla legge delle tariffe per i servizi e delle aliquote fiscali. Ma i margini di manovra sono molto esigui, e la giunta comunale è stata già costretta a deliberare un sensibile inasprimento delle tariffe per i servizi a domanda individuale, che hanno suscitato pesanti contraccolpi e vivaci polemiche soprattutto per quanto riguarda gli impianti sportivi e gli asili nido.
Si vedrà.
Alla Provincia i problemi sono invece tutti di natura politica. Il presidente Antonio Pepe si trova a dover fronteggiare il duplice problema rappresentato da una maggioranza che si è assottigliata dopo il dimissionamento dell’Udc dalla giunta e dai perduranti malesseri che attraversano i gruppi consiliari di maggioranza. Gli assessorati vacanti sono tre: due quelli lasciati liberi dagli ex assessori Udc, il terzo  lasciato vuoto dalle dimissioni del braccio destro del presidente, Leonardo Di Gioia, eletto in consiglio regionale.
Di Gioia potrebbe tornare a Palazzo Dogana nel caso in cui il presidente scegliesse per le nomine assessorili due consiglieri del Pdl. Il neo consigliere regionale ed ex assessore provinciale al bilancio, rientrerebbe in questo caso come consigliere provinciale, essendo il secondo dei non eletti.
Intanto si è arenato il tentativo, che pare sia stato condotto da Pepe in prima persona, di far tornare in giunta l’Udc. I centristi chiedevano un riconoscimento di dignità, che si traduceva aritmeticamente in almeno due assessorati (all’inizio della consiliatura gli erano stati riconosciuti due assessorati e la presidenza del consiglio provinciale). Ma l’offerta della maggioranza era limitata ad un solo assessorato, in considerazione del fatto che, strada facendo, l’apporto dell’Udc ha perso consistenza (i consiglieri centristi si sono ridotti da 4 a 2).
Il problema è che quei due potrebbero rivelarsi alla fine necessari, tenuto conto dell’ormai quasi certo passaggio all’opposizione del consigliere de La Destra, Paolo Agostinacchio, che potrebbe dare l’annuncio proprio in occasione del dibattito sul bilancio.
Pare comunque assodato che difficilmente si arriverà alla discussione in aula senza che prima sia stato affrontato e risolto il nodo della verifica. Se dipendesse da lui, il presidente Pepe non avrebbe dubbi, tirerebbe avanti così: e si spiega anche in questi termini l’attribuzione delle deleghe al bilancio ed ai lavori pubblici ad assessori già facenti parte dell’esecutivo (rispettivamente Pazienza e Lallo): a quanto par di capire non si tratterebbe di deleghe ad interim, ma di incarichi che potrebbe essere ricoperti anche fino alla fine del mandato.
Si cercano comunque nomi in grado di mettere d’accordo tutti. Tra quelli più ricorrenti figurano il capogruppo del Pdl, Paolo Mongiello, e del consigliere provinciale di Cerignola, Mimmo Farina. C’è da risolvere la questione che riguarda l’Udeur, rappresentata in consiglio provinciale da Nicandro Marinacci. Si potrebbe raggiungere un’intesa su un nome gradito da Marinacci, ma non direttamente espressione del partito di Mastella. L’identikit porta, in questo caso, sulle tracce di Raimondo Ursitti. Ma c’è anche la grana dei consiglieri garganici e delle liste civiche di Pepe, che chiedono un loro rappresentante: il nome più accreditato è quello do Rocco Ruo. Però i conti non tornano, visto che i nomi dei papabili sono quattro, e le poltrone disponibili sono tre.
La prossima settimana potrebbe essere quella giusta per risolvere una faccenda che si sta ormai trascinando da troppo tempo.
Arturo Desio

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: