Skip to content

Il caso sollevato dal Quotidiano di Foggia / Finalmente sarà rimosso l’amianto in via Calmo

5 luglio 2010

La partecipazione paga. È una tesi che abbiamo sempre sostenuto, dalle colonne del Quotidiano di Foggia, indicando come “caso esemplare” quello del comitato di quartiere del comparto Biccari 167. Il nostro giornale è stato il primo a denunciare, raccogliendo le istanze espresse dal comitato, la presenza di eternit in via Calmo.
Finalmente Palazzo di Città ha licenziato il provvedimento che consentirà di intervenire per rimuovere il micidiale materiale. Il problema sarà quindi risolto a brevissimo, dapprima con l’incapsulamento del materiale, che evita la dispersione di particelle di amianto nell’aria, e poi con la rimozione. Le operazioni saranno svolte da una società specializzata con cui sono già stati concordati i termini dell’intervento.
A darne notizia è stato il sindaco Gianni Mongelli, durante un incontro che si è svolto presso la parrocchia di San Filippo Neri, tra il comitato di quartiere presieduto da Antonello Abbatista e una delegazione dell’amministrazione comunale (con il primo cittadino c’erano il consigliere comunale della lista Mongelli, Giuseppe D’Urso, il dirigente del servizio Urbanistica, Paolo Affatato, il presidente della Circoscrizione Nord, Antonio Tannoia). Presente alla riunione anche il parroco di San Filippo, don Tonino Intiso.
Nel corso della riunione sono state affrontate anche altre tematiche. Il sindaco ha dato notizia che di fronte alla parrocchia di San Filippo Neri,  anzichè una palazzina così come prevedeva il piano di zona, verrà realizzato un parcheggio, impreziosito da un’aiuola.
“Un’infrastruttura utile anche ai residenti nelle palazzine circostanti – ha spiegato il sindaco – che sarà realizzata grazie alla diversa collocazione di un fabbricato di imminente costruzione”. Il tema della viabilità e dei parcheggi è “particolarmente sentito da tutti gli abitanti del quartiere – ha spiegato Antonello Abbattista, portavoce del Comitato – perché, di fatto, non ci sono spazi per la sosta e alcune strade sono talmente strette che alcuni mezzi dell’Amica non passano e le ambulanze o le autopompe rischiano di rimanere bloccate”. Problemi che “originano dal progetto stesso della 167 – ha affermato il sindaco – e dall’evoluzione poco organica della sua attuazione, che risolveremo, in gran parte, con la realizzazione delle infrastrutture previste nel PIRP e nel Piano Urbano per la Mobilità di Area Vasta”.
A.D.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: