Skip to content

Quando la collaborazione tra polizia e cittadini paga / Progettava un colpo, arrestato

6 luglio 2010

La collaborazione tra i cittadini e le forze dell’ordine è essenziale per contrastare il crimine, che a Foggia prospera anche grazie al clima di indifferenza, se non di vera e propria omertà, che aleggia attorno ai malviventi e che spesso garantisce loro l’impunità.
Ma non sempre è così, a volte il senso civico prevale sull’indifferenza, duramente e a più riprese stigmatizzata dall’ex questore di Foggia, Bruno D’Agostino, che ha spesso puntato l’indice contro una città dove ognuno si fa i fatti propri. E non ci vuole molto a squarciare il velo dell’indifferenza e dell’omertà: a volte basta una semplice telefonata al 113 per segnalare qualcosa che non va, per moltiplicare gli “occhi che guardano” in città, e per aiutare le forze dell’ordine nella loro quotidiana battaglia contro il crimine.
Occhi che guardano in città e che a volte possono anche scongiurare episodi delittuosi gravi, com’è accaduto qualche giorno fa nel capoluogo dauno, quando proprio una telefonata anonima ha permesso agli agenti della Squadra Mobile di assicurare alla giustizia un pregiudicato piuttosto in vista nelle gerarchie criminali in città, e con ogni probabilità anche di sventare un crimine grave.
È successo qualche giorno fa, quando al centralino della questura è giunta una telefonata da parte di un cittadino che ha detto di aver notato due ragazzi intenti ad armeggiare vicino ad un portone in via Miracoli a Foggia.  A destare maggiori sospetti sia nel cittadino che affatto la segnalazione sia negli agenti, il fatto che la palazzina presso il cui portone gli individui trafficavano è disabitata, essendo stata di recente costruita. Il sospetto è che potesse essere utilizzata come base d’appoggio per depositarvi armi ed altri attrezzi per compiere crimini contro il patrimonio.
Una volta ricevuta la segnalazione, le volanti si sono immediatamente precipitate sul posto, ed hanno effettivamente rilevata la presenza di due individui che però, all’arrivo della polizia, se la sono data a gambe, nel tentativo di far perdere le proprie tracce. Un tentativo riuscito soltanto in parte.
Gli agenti hanno avvisato i loro colleghi che hanno raggiunto il posto, dando vita ad una breve battuto, nel corso della quale è stato intercettato e bloccato uno dei due giovani sospetti trovati poco prima in via Miracoli. Si tratta di Mimmo Falco, pregiudicato foggiano di 26 anni, accusato di porto illegale di arma da sparo clandestina con relativo munizionamento ed evasione dagli arresti domiciliari.
Quando gli agenti lo hanno bloccato e tratto in arresto, Falco impugnava una pistola di colore nero e indossava un cappellino da baseball al cui interno era nascosto un passamontagna, mentre addosso gli è stato trovato un’altra pistola, una calibro nove corto con matricola abrasa, completa di caricatore con 11 cartucce.
Gli agenti hanno perquisito anche l’automobile utilizzata dal giovane pregiudicato, una Audi A3, a bordo della quale sono stati trovati due telefoni cellulari, una pistola giocattolo più la somma di 515 euro. L’auto non risulta essere provento di furto.
Come abbiamo detto, gli inquirenti ipotizzano che la palazzina disabitata di via Miracoli venisse utilizzata come base d’appoggio per le gesta criminose due malviventi. Le indagini proseguono nel tentativo di assicurare alla giustizia il compagno di Falco.
Una brillante operazione, che conferma l’importanza della collaborazione tra cittadinanza e forze dell’ordine. “Abbiamo bisogno della collaborazione dei cittadini – ha detto il dirigente delle volanti Pasquale Fratepietro – perché solo così possiamo contrastare questo genere di reati predatori, molto diffusi in città”.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: