Skip to content

Pronto soccorso Foggia / Benvenuti all’inferno

21 luglio 2010

di Geppe Inserra

Quando il cronista finisce in ospedale… Un reportage in presa diretta su una delle più lunghe notti della struttura di prima accoglienza dei Riuniti. Dove funziona molto poco, ma non per colpa del personale. Quattro punti di sutura: ma a Lucera, quattro ore dopo.

Che succede se ti fai male di venerdì sera a Foggia, tagliandoti un dito nel maldestro tentativo di afferrare la bottiglia che cade dal freezer, e quella ti si rompe in mano? Ahimè, non c’è che una scelta, andare  al pronto soccorso degli ospedali riuniti.
Forse ci sarebbe anche la possibilità anche della guardia medica, ma coll’indice sinistra che sta lì a sanguinare non è proprio il caso di andare per tentativi (in realtà avrei accertato successivamente che la guardia medica, anzi “servizio di continuità assistenziale”, come si chiama adesso, non effettua questo tipo di assistenza).
Ed allora eccomi al pronto soccorso dei Riuniti, a vivere un’avventura che vale la pena di essere raccontata, meglio se tre giorni dopo, sbollita la rabbia e lo sconcerto.
Cominciamo da una considerazione banale, ma non tanto, come capirete appresso: se uno va al pronto soccorso avendone necessità, si aspetta di trovare esattamente quello che dice li nome: “pronto soccorso”. Ma nel pianeta sanità di questa terra, niente è come appare, ed anche i nomi sono bugiardi. Che le liste d’attesa siano uno dei peggiori aspetti della sanità pugliese e meridionale è dato risaputo, ma ci si aspetterebbe che, almeno al pronto soccorso non sia così, che si possa essere curati e medicati in un lasso di tempo ragionevolmente breve.
Ma invece non funziona così, almeno, non a Foggia.

LA STORIA DI UN INCUBO
Ci arrivo più o meno alle 21, mi presento alla reception e per la verità il tempo d”attesa per essere visitato dall’infermiere di turno non è esagerato, qualche minuto. Mi sento rincuorato: già una volta mi è successo di andare al pronto soccorso, e non finì bene. Mi ero slogato il gomito, mi faceva molto male e mi presentai al pronto soccorso una domenica mattina, aspettando invano per circa un’oretta che qualcuno si facesse vivo alla reception: nulla da fare.
Dolorante, tornai a casa, rinviando la richiesta di cura e di accertamenti al giorno successivo, al medico curante.
Questa volta, invece le cose sembrano procedere meglio: l’infermiere dà uno sguardo alla ferita, mi suggerisce come ridurre l’uscita del sangue, e mi accompagna alla sala d’attesa, dopo avermi assegnato il codice che regola come un deus ex machina i tempi e l’organizzazione dei pronto soccorso. È il metodo del triage (usato non solo a Foggia, ma un po’ da tutte le parti), termine francese che significa “cernita, smistamento”: in pratica l’accesso alle cure non avviene sulla base dell’ordine di arrivo, ma secondo la gravità delle condizioni del paziente. In linea teorica è giustissimo: va curato prima chi sta peggio. Ma se non ci sono medici, infermieri, posti letto, chi sta malocchio deve aspettare tempi biblici, ed è assai meno giusto.
Torniamo al triage. I codici sono in tutto quattro; il Codice Bianco indica che non c’è alcuna urgenza: il paziente non necessita del pronto soccorso e potrebbe rivolgersi al proprio medico (già, ma se è venerdì sera, e gli ambulatori resteranno chiusi fino al lunedì successivo, come si fa?). Il Codice Verde indica un’urgenza minore: il paziente riporta delle lesioni che non interessano le funzioni vitali ma vanno curate (ci mancherebbe altro…). Il Codice Giallo denota il primo livello di vera e propria urgenza: il paziente presenta una compromissione parziale delle funzioni dell’apparato circolatorio o respiratorio, ma non c’è un immediato pericolo di vita.
Il Codice Rosso segnala infine la situazione di maggiore urgenza, anzi di emergenza:  indica un soggetto con almeno una delle funzioni vitali (coscienza, respirazione, battito cardiaco, stato di shock) compromessa e un immediato pericolo di vita.
Il buon infermiere mi attribuisce un “codice verde”. Ineccepibile: il taglio è superficiale, anche se piuttosto largo, la  ferita continua però a perdere sangue; il verde è giusto, perché è una lesione che – come recita il protocollo del triage – non interessa le funzioni vitali, e meno male. Giungiamo in sala d’aspetto, e qui la prima sgradita sorpresa: c’è una fila interminabile, che si ingrossa notevolmente nell’ora successiva.
Fino alle 22 e passa, è tutto fermo:  non viene chiamato neanche uno dei “pazienti” (sarà anche per questo che si chiamano così? in coda). C’è un codice rosso in atto. Poco prima il conducente di un mezzo dell’Ataf ha investito due giovani mentre attraversavano via IV novembre. Il ragazzo (codice giallo o verde come me?) è là che aspetta il turno per essere visitato e presumibilmente sottoposto ad esame radiologico. Ma alla ragazza che attraversava insieme a lui è andata decisamente peggio: è codice rosso, in gravissime condizioni (qualche ora dopo sarà trasferita in rianimazione e operata d’urgenza).

CODICE ROSSO IN ATTO, LA CODA SI ALLUNGA
Il contatto con la sofferenza altrui è un’occasione sempre importante: anche se il dito continua a sanguinare, ti rendi conto che c’è chi sta peggio di te. Come il ragazzone bulgaro entrato appena prima di me: si è tagliato la mano in più punti, dopo essere scivolato su un vetro nel bagno. E poi ci sono i bambini: è incredibile quanti piccoli affollino il pronto soccorso: uno è quasi neonato, figlio di una giovane donna nomade. Di lì a poco entra una signora foggiana il cui bambino è caduto rovinosamente dalla bicicletta dopo che il piede è finito tra i raggi della ruota: la mamma teme che il figliolo possa aver battuto la testa. Codice verde anche per lei.
I bambini e le loro mamme vengono fatti aspettare nella stessa sala d’aspetto degli adulti: c’è chi grida, chi si lamenta. Che ricordo ne conserveranno? Quello di una sanità amichevole, a misura di uomo, o piuttosto di un incubo?
Nella sala d’attesa riservata ai pazienti (dovrebbe essere quella riservata ai codici gialli, ma veniamo raggruppati tutti là…), ricavata alla bell’e meglio da quello che era una volta l’atrio del nosocomio c’è un caldo irrespirabile. Non c’è l’aria condizionata che invece, bizzarramente, funziona fin troppo nella sala d’aspetto (ben arredata e con tanto di televisore per ingannare il tempo) riservata ai familiari dei pazienti. I pazienti scoppiano dal caldo, i loro familiari si congelano per il freddo, ma se non altro possono guardare la tele.
Finalmente, alle 22 passate, i medici cominciano a chiamare i pazienti in paziente attesa… Si comincia dai codici gialli. A fare la fila ci sono anche anziani in attesa del ricovero: perché mai, in un pronto soccorso che si trova costantemente sotto organico, si debba far svolgere ad un reparto così di frontiera anche una funzione del tutto burocratica qual è quella dell’accettazione, è un mistero che non riuscirò mai a comprendere.

POCHI MEDICI, MA SOTTOPOSTI AD ADEMPIMENTI BUROCRATICI
Ad aspettare il loro turno ci sono persone anziane, che se hanno necessità di ricovero evidentemente non stanno bene: perché costringerle a fare la fila, quando in fondo si tratta soltanto di compilare una carta?
La fila si muove, ma lentissimamente. Il ragazzo bulgaro è in pena per la sua ragazza, che non sa nulla dell’incidente capitato al moroso. Decide di andarsene: cerco di dissuaderlo, ignaro del fatto che dopo un po’ l’avrei imitato.
Il problema è che il numero dei pazienti che vengono curati e poi dimessi (o ricoverati) è inferiore a quello di quanti nel frattempo arrivano. C’è una coloratissima comitiva di nomadi, poi un signore di mezza età che accompagna l’anziana madre. Ed ancora una donna con suo padre, un anziano signore che sta male e si capisce anche assai poco a suo agio: “Portami a morire a casa”, dirà alla figlia.
Improvvisa esplode la protesta. Gli infermieri fanno presente che si tratta di una serata particolare (intanto i loro colleghii del 118 scaricano altre urgenze) e che i medici in servizio sono soltanto tre.
Ecco la chiave di volta. È possibile che in un ospedale che serve un bacino di utenza di oltre 200.000 abitanti a presidiare il pronto soccorso in una notte di fine settimana siano soltanto tre medici?
Il pensiero corre ai tanti medici che in quel momento sono di turno nei loro reparti, chi impegnato, chi meno. Reparti tranquilli, mentre quaggiù è l’inferno. Un inferno che è la cifra visibile di una sanità che si è forse eccessivamente burocratizzata e tecnicizzata. La sanità deve servire a far stare meglio, e non solo a dettare norme di cernita e di smistamento. Un dito che sanguina è un dito che sanguina: andrebbe curato comunque nel più breve tempo possibile. Se no è una sconfitta.

TRE MEDICI PER DUECENTOMILA ABITANTI
Arriva un’anziana signora, viene accomodata alla meglio sulla sedia. È quasi incosciente, sonnolenta, il caldo non l’aiuta: la figlia invoca gli infermieri per procurarle una barella. Sembra non ce ne siano, poi prodigiosamente ne viene reperita una, e la donna viene fatta distendere.
I più gentili, i più prodighi nel dispensare consigli ma anche nell’illustrare la filosofia del triage, sono le guardie giurate. Ad una signora che alza la voce, uno dei due vigilantes in servizio spiega che qualche mese fa si è fatta male sua nipote, ed ha dovuto attendere tre ore il suo turno. L’altro invece stigmatizza i casi (pare numerosi) di quanti si rivolgono al pronto soccorso per un nonnulla: per un’unghia incarnita o perfino per farsi sfilare la fede nuziale, troppo stretta.
Che si ricorra al pronto soccorso anche quando non è il caso, è un fenomeno diffuso e deprecabile, ma non si deve dimenticare che la struttura svolge anche funzioni di natura  legale. Per esempio serve a certificare, per mano di un medico pubblico, le condizioni di salute, come nel caso di una giovane donna, dipendente di un noto esercizio cittadina, in preda ad una crisi di nervi dopo essere stata verbalmente aggredita ed offesa dal suo datore di lavoro.
È anche la concentrazione di tante, troppe funzioni su un solo presidio, afflitto da vistose carenze di organico e da problemi logistici, a  trasformare quello che dovrebbe essere il biglietto da visita dell’ospedale di Foggia in un autentico inferno.
È quasi mezzanotte quando, finalmente, il ragazzo finito sotto la circolare dell’Ataf viene sottoposto ad esame radiologico. Sono trascorse tre ore buone dall’incidente, e nessuno che l’abbia rincuorato. Al di là dei possibili danni fisici, è in evidente stato di shock.  Intanto, il mio dito continua a perdere sangue, il mio umore peggiora, e sale la rabbia.
A rileggere quanto scrive la carta dei servizi dell’Asl sulla “offerta” del Pronto soccorso (anzi “struttura complessa di Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza”, perché un’altra peculiarità della moderna medicina è quella di non chiamare mai le cose con il nome con cui vengono intese dai cittadini utenti) c’è di che sorridere. Amaramente.

COSA DICE LA CARTA DEI SERVIZI DELL’AZIENDA
“La fase di accettazione si basa sul servizio di Front Office e Triage infermieristico: all’ingresso ogni utente viene accolto in una postazione di accoglienza socio-relazionale da una equipe d’infermieri e personale appartenente alle Associazioni di Volontariato Croce Rossa Italiana e AVO.” Chiacchiere. Niente di tutto questo. Nessuna critica, nessun rilievo alla professionalità dei medici, degli infermieri, dei volontari: resta il fatto che sono troppo pochi di fronte ad un’utenza troppo vasta. L’accoglienza socio-relazionale viene di fatto svolta dalle guardie giurate, ed è proprio ad una di loro che mi rivolgo per capire, almeno, quando verrà il mio turno.
Sono stanco, incazzato. Chiedo lumi sul mio turno al buon vigilante, che guarda l’asciugamano ormai zuppo di sangue che mi fascia la mano e cerca tra i codici gialli. Faccio presente di essere soltanto verde, ed ecco la risposta. Devo aspettare ancora cinque codici verdi. A conti fatti, visti i diversi codici gialli in lista d’attesa, significano altre ore.
Perdo le staffe e mi metto a gridare (sbagliando) ma decido (non sbagliando) che neanche questa volta riuscirò ad avvalermi delle prestazioni del pronto soccorso dell’ospedale di Foggia. Me ne vado, sbattendo la porta (sbagliando perché comunque me la prendo con persone che stanno facendo il loro dovere e il loro lavoro).
Mi viene, però,  l’idea (brillante) di cercar miglior fortuna al pronto soccorso di Lucera.
È ormai l’una quando vi arrivo. Vi regnano una calma ed una tranquillità quasi idilliache. Busso e mi apre un infermiere, sorridente e rassicurante. Gli racconto la storia, gli dico la verità: sono scappato dall’inferno del pronto soccorso dei Riuniti di Foggia. Lui sorride, e mi dice che mi citeranno, però c’è da aspettare anche lì.
In realtà, il tempo di attesa è di soli cinque minuti. Quando mi fa stendere sul lettino della medicheria, mi racconta di essere da poco rientrato dal pronto soccorso degli ospedali riuniti di Foggia, dove aveva accompagnato un paziente: “È stata una pessima serata lì a Foggia, hanno avuto molte urgenze, ho dovuto aspettare anche io”. Nel frattempo il dito ha smesso di sanguinare, ma non è cosa buona perché, come mi comunica questa specie di angelo vestito da infermiere adesso sarà necessario riaprire la ferita per disinfettarla meglio. Il medico che si occupa della ferita è professionale, gentile. Il tutto si risolve in una decina di minuti. Mi applica quattro punti di sutura, anticipandomi che la piccola operazione sarà un po’ dolorosa, perché le dita sono particolarmente sensibili: non a caso sono gli organi tattili per eccellenza. Nel suggerirmi di praticare, il giorno dopo, una iniezione antitetanica, si scusa perché mi consegna il referto scritto a mano. Non funziona il computer.
All’uscita, la notte lucerina è fresca. Adesso l’inferno soltanto un ricordo.
Geppe Inserra

Annunci
15 commenti leave one →
  1. donato permalink
    22 luglio 2010 00:18

    Come dare torto………. Ho prestato servizio per anni presso la Guardia medica di foggia, 4 medici contro 200.000 abitanti. Un inferno specialmente i fine settimana e i periodi di festività. Il telefono bolle, le chiamate sono di fila, c’è chi prova per ore a telefonare e trova sempre il telefono occupato. conclusione logica? hanno staccato il telefono, a volte arrivavano carichi di ira e non di rado aggredivano anche fisicamente. Una volta ho scanzato una sedia lanciatomi contro. La guardia sopperisce la funzione del medico di medicina generale, molti però per non fare la fila dal proprio medico si presentano con richieste di prescrizioni di farmaci cronici, altri dimessi dall’ospedale richiedono farmaci. Poi ci sono quelli che voglioni farmaci che il loro medico non prescrive per normativa e al rifiuto li……… minacce, insulti, crisi di ira. Poi arrivano gli equivalenti dei codici giallo/verde. Non c’è tempo per fare suture, anche perchè spesso non vi è strumentazione sterile, poichè la guardia è l’equivalente della continuità assistenziale, per intenderci quando ci si taglia nn si va dal medico curante ma in ospedale. Molte delle sedi di periferia se hanno a disposizione strumentazione sterile pur di evitare viaggi e prevedibili file il PS si accinge anche a prestare un soccorso chirurgico. La conclusione per tutti i casi complicati è il triage del PS. Tre medici sono pochi, si è vero. Chi ci lavora sa che è un inferno per i pazienti ma per contro è un inferno anche per essi. Un lavoro logorante, snervante. Sicuramente è uno dei settori che andrebbe potenziato, ma sono tanti i controsensi della sanità. Se la struttura pubblica, PS e ambulatori asl venissero potenziati non ci sarebbe il ricorso alle cliniche private, e immagino che anche i costi sanitari alla fine si ridurrebero. Ad esempio un rx all’asl o in ospedale costa ugualmente a quella di una struttura privata? E’ la goccia che fa il lago.
    Auguriamoci di stare sempre bene!

  2. Salvatore Valerio permalink
    22 luglio 2010 00:55

    Ho letto molto attentamente l’articolo dello sfortunato Geppe Inserra e in verità non ho trovato grosse novità e quindi cose nuove di una certa rilevanza; parlo in quanto “adetto ai lavori”, svolgo da 28 anni l’attività di informazione medico scientifica,quel lavoro che consiste nel presentare ai medici le novità e gli aggiornamenti in campo farmacologico, lavoro che ci mette a contatto con le non sempre esaltanti realtà del mondo sanitario specialmente quello ospedaliero.Mi esprimo così non per criticare l’operato professionale dei medici di cui in massima parte apprezzo molto il loro lato umano oltre quello professionale. Ma allora attualmente dove stà il problema?
    Non è solo quello atavico dell’organizzazione (ricordo che solo qualche anno fa la guardia giurata operante al pronto soccorso dei Riuniti di Foggia era colui che si improvvisava infermiere (quando non addirittura medico) e che smistava i pazienti (quando ancora non era operativo il metodo del triage) chiedendo spesso in dialetto ” tu che tin”? Ed il paziente di rimando :”magghje rott’ na gamb”.
    Vernacolo a parte posso garantirvi che la scena non era affatto comica o simpatica, ma esprimeva tutta la sua reale drammaticità.
    La verità è che queste importanti figure professionali quali appunto sono i medici, sono spesso svuotati da ogni professionalità e presi sempre più da assilli burocratici , che sottraggono tempo da dedicare al paziente.Vogliamo poi parlare anche dei risparmi che ormai le Regioni, quasi tutte indebitate, (noi in Puglia abbiamo un esempio di indebitamento sulla sanità di alto livello) attuano e che costringono a ridurre non solo i posti letto di vari nosocomi, ma addirittura di gestire un pronto soccorso con un bacino di utenza potenziale di circa duecentomila persone con soli tre medici.
    Potrei continuare dicendo che tutti questi “risparmi” o tagli vanno a discapito del cittadino che si sente spesso privato di un suo diritto, quello alla salute, sancito dalla stessa nostra Costituzione.
    Quando poi apprendo che i dirigenti ASL che gestiscono gli Ospedali Riuniti di Foggia hanno, attraverso un atto deliberato dalla scorsa giunta regionale, che è poi contigua a quella attuale,si sono aumentati lo stipendio (già elevato) di diverse decine di migliaia di euro l’anno , mi vengono tanti cattivi pensieri.

  3. 22 luglio 2010 01:06

    Geppe, ciao, prima di ogni mio possibile commento sappi che hai la mia piu’ sentita solidarietà….e poi…ascolta… facendo parte di una famiglia molto numerosa con all’interno membri di ogni età sono stato, e sarò sempre mio malgrado ospite del cosidetto “inferno” ti dirò, in tante mie esperienze dirette ed indirette di “venerdì sera” come di “martedì mattina”, che il tuo racconto è un vero copia ed incolla ai miei…a quelli che gente normale che a differenza tua non potè testimoniare l’accaduto con un sentito articolo!
    A Foggia c’è tanto che non và, altro che và , e il mio pensiero è quello che lo scrivere, il testimoniare il reportare anche con video può essere un valido mezzo per portare a conoscenza oltre alla cittadinanza tutta anche a chi dovrebbe poi prendere decisioni forti verso quello che è lo status del nostro “inferno”
    P.S.
    (chiaramente come da te già sottolineato i membri tutti del pronto soccorso non sono oggetto diretto della denuncia!)

  4. Francesco permalink
    22 luglio 2010 01:38

    Dovremmo urlare il nostro dissenso alla politica che ci spolpa con tasse esose e in cambio non ci ripaga con servizi adeguati.
    Voi che avete la possibilità di farvi leggere da tanti cominciate a far capire che non è con il personale del P.S. che si deve manifestare il proprio malumore, ma con i Politici (nostri dipendenti visto che vengono pagati da noi con le NOSTRE tasse). Cominciamo a URLARE il nostro malumore e a pretendere un servizio adeguato. E’ importante che si cominci a capire che i politici devono stare a nostro servizio e non il contrario. E se questo non avviene dobbiamo imparare a sfiduciarli e a mandarli a casa.
    Mandiamo a casa chi non ci governa con saggezza.

  5. Rita permalink
    22 luglio 2010 01:58

    FINALMENTE QUALCUNO CHE NE PARLA…..I MEDICI LAVORANO TANTISSIMO E RISCHIANO OGNI GIORNO PERCHE’ SONO TANTI I PAZIENTI E DEVONO LAVORARE PER 10 QUANDO INVECE NEI REPARTI CI SONO MEDICI IMBOSCATI CHE LEGGONO IL GIORNALE..NON E’ GIUSTO LO STIPENDIO E’ LO STESSO
    sono d’accordo ci vorrebbero più voci però……….

  6. Euro permalink
    22 luglio 2010 05:59

    ….Caro mio….sei stato fortunato…di solito le cose vanno peggio..ti saresti “sbrigato” il mattino successivo…. L’infermiere perlomeno doveva in fase di controllo usare degli “strip” (strisce tipo cerottini per unire i lembi della ferita) facendo in modo che l’emorragia si bloccasse… Poniamo il caso che fosse successo al parente di un dirigente del “Riuniti”… secondo te avrebbe aspettato?…Quale codice sarebbe stato attibuito?….Infine; sarebbe passato al Pronto Soccorso o curato prima di varcare la soglia del Policlinico?….. A te l’ardua sentenza…….

  7. Massimo permalink
    22 luglio 2010 08:08

    C’ è poco da commentare…non ci resta che piangere…
    Ringraziamo i nostri rappresentanti politici regionali…

  8. Valentina de seneen permalink
    22 luglio 2010 10:59

    Anche io una volta andai al pronto soccorso, ma saranno passati più di vent’anni. Mi tagliai con il coltello del pane ed entrai subito nella sala delle medicazioni e dopo aver esaminato la ferita mi fecero l’antitetanica, visto che a tagliarmi fu un coltello. Poi, non ho avuto altre esperienze grazie a Dio…Ma ora, sono cambiate molte cose. L’inserimento dei codici di urgenza, non hanno fatto altro che peggiorare la situazione, e a volte anche una banale ferita può rischiare di diventare un problema serio di salute, non per la cosa in sè, ma per le conseguenze che può portare. Ha fatto bene, ad andare al nosocomio di Lucera, almeno così si mettono a conoscenza i cittadini, che non tutto il “mondo è paese”. Ovviamente, parlo del mondo sanitario. Purtroppo la rovina del nostro ospedale, è stata quella di diventare anche sede universitaria a discapito di chi DEVE essere curato, anche se per un banale tagli ad un dito

  9. Gino Longo permalink
    22 luglio 2010 11:31

    Mah…non ho parole,sia per i fatti che per l’abilità l’eccellente cronista che è Geppe.
    Un cordiale saluto

  10. Vincenzo Russo permalink
    22 luglio 2010 16:19

    la storia si ripete. Mi è capitato di sbattere con la mia bici contro un cassonetto dell’immondizia, mi accompagnano al famigerato pronto soccorso di Foggia e qui inizia il calvario.
    Tra infermieri che scommettevano su una presunta frattura o sul numero di punti di sutura da applicare, tra tossici in crisi di astinenza e ubriachi che smaltivano le alzate di gomito tra bambini con la febbre altissima e vecchietti con malori di fine vita, ho trascorso 6 ore della mia vita in un film Felliniano.
    A gennaio ero in vacanza in Austria, mi spezzo la tibia, dopo un’ora ero in un letto di ospedale con tutti gli esami di rito effettuati, compreso il gesso provvisorio. Esattamente 14 ore dopo l’incidente ero in sala operatoria. Un sogno, altro che film.
    Sono stato trattato come Valentino Rossi altro che comune cittadino Foggiano………. e senza pagare nulla.

  11. Antonio permalink
    22 luglio 2010 19:15

    MI MERAVIGLIO COME MAI NON TI HANNO CHIESTO APPENA ARRIVATO SE ERI UN PARENTE O UN AMICO DI “QUALCUNO” .
    UN SABATO POMERIGGIO DELL’AGOSTO DEL 2008 TRASPORTATO DAL PRONTO SOCCORSO DI VIESTE A QUELLO DI FOGGIA CON REFERTO CHE MI ORDINAVA DI RECARMI PRESSO UN OSPEDALE PER IL GESSO E LA MEDICAZIONE CON UNA GAMBA STECCATA E CON GARZE SPORCHE DI SANGUE, AL P.S. DELL’OO.RR. DI FOGGIA MI CHIEDONO SE CONOSCO QUALCUNO E MI DICONO DI RITORNARE IL LUNEDI’ SUCCESSIVO CON LA RICHIESTA DEL MEDICO CURANTE ED IL TICKET PAGATO PER L’AMBULATORIO. SOLO L’INTERVENTO DELLA POLIZIA HA CONVINTO L’INFERMIERE A MEDICARMI E MI HANNO FATTO IL REFERTO PER IL REPARTO PER IL GIORNO DOPO (DOMENICA) PERCHE IN QUEL MOMENTO NON C’ERA NESSUNO.
    IL GIORNO DOPO C’ERANO “AMICI E PARENTI” (ED HO CAPITO IL SENSO DELLA DOMANDA DEL GIORNO PRIMA) NEL REPARTO PER IL GESSO ED IO SONO STATO MESSO ALLA PORTA CON L’INVITO A PRESENTARMI ALL’AMBULATORIO CON I RAGGI E LA RICHIESTA DI VISITA E GESSATURA (NATURALMENTE CON TICKET PAGATI).

    PURTROPPO L’INSEGNA E’ INCOMPLETA E SOLO QUALCUNO RIESCE A LEGGERLA: “OSPEDALI RIUNITI -sempre aperto e gratis solo per amici e parenti”

  12. deborah permalink
    23 luglio 2010 11:11

    quando succede qualcosa, se riesco, raggiungo il pronto soccorso di san giovanni rotondo dove c’e una accoglienza positiva dall’accettazione in poi. il pronto soccorso di foggia e’ da denuncia!!!!!!!! dobbiamo evidenziare questo scempio, verificato personalmente. INFERNO, mai termine piu appropriato, ripeto non lasciamo decantare la cosa e poniamo rimedio. se possibile, evidenziando e denunciando la cosa a chi di dovere.

  13. deborah petrino permalink
    23 luglio 2010 11:35

    INFERNO, mai termine piu appropriato per definire il pronto soccorso di foggia. la situazione e’ seria e non da sottovalutare. dovremmo unire le nostre forze e denunciare a chi di dovere lo scempio di una struttura che dall’ accettazione in poi lascia completamente a desiderare costringendo l’potetico cittadino ad usufruire del pronto socccorso delle zone limitrife come ad esempio, del pronto soccorso di san giovanni rotondo che funziona benissimo oltre che dal punto di vista medico- sanitario che per quanto riguarda il tratto e la gentilezza del personale. Ripeto, non lasciamo decantare la cosa. perche’. il pronto soccorso e’ un servizio dal quale nessuno puo prescindere.

  14. Linus permalink
    23 luglio 2010 13:11

    Non c’è nulla della quale meravigliarsi, storia consueta da assistere, basta starci qualche ora nel PS del Riuniti…

  15. Rosa Valente permalink
    30 luglio 2010 12:42

    Purtroppo, non riesco a meravigliarmi. Sono di Torremaggiore, ma risiedo da tempo in Calabria, dove le cose vanno ancora peggio. A Rossano, dove risiedo, la gente è esasperata, e da un pò di tempo si verificano episodi di aggressioni al personale addetto al pronto soccorso, tanto che recentemente, dopo l’ultimo fatto del genere, il servizio è stato sospeso. Che dire? Se i politici guardassero queste cose, invece di stare arroccati nelle loro torri d’avorio..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: