Skip to content

Dai Monti dauni un nuovo modello di sviluppo

30 agosto 2010

Dai Monti della Daunia, le proposte culturali più interessanti e innovative. Che incoraggiano una visita a questi comuni. Ma le strade sono eternamente dissestate.

In questa estate aridissima (e non soltanto per le scarsissime piogge e per l’impressionante calura) qualche apprezzabile “ventata” di cultura è giunta dall’Appennino, i cui comuni hanno proposto manifestazioni di notevole respiro e spessore culturale.

Per certuni posti, non si tratta certamente di una novità. Ascoli Satriano, che ha ospitato il tanto atteso ritorno dei grifoni policromi di marmo trafugati qualche decennio fa, è da tempo la capitale archeologica della Puglia Settentrionale, così come Orsara di Puglia è da tempo la capitale pugliese della musica jazz, ed anche quest’anno, consolidando una tradizione che sta diventando sempre più radicata, ha ospitato una edizione di Orsara Musica ricca di appuntamenti e di proposte originali.

Altri comuni però premono, si affacciano orgogliosamente alla ribalta regionale e meridionale, segnalandosi per l’originalità del loro cartellone culturale. È il caso di Accadia, che assieme alle giornate dedicate al blues e ad Appennino Art’infest, avvia quest’anno un interessante programma biennale dedicato al mito della “grande madre”, partendo dalla rivalutazione di una misteriosa scultura ospitata nel palazzo comunale. È il caso di Pietramontecorvino che sperimenta nuovi linguaggi, accoppiando quest’anno a Terravecchia in Folk l’inaugurazione del museo multimediale del Castello Ducale, dedicato a quel patrimonio straordinario della cultura immateriale di queste colline rappresentato dagli “sciambule”, una sorta di stornelli ma dal notevole spessore poetico, che venivano cantati dalle donne, sull’altalena, in occasione delle feste di Carnevale, la cui valenza è stata riscoperta da un bel libro di Raffaele Iannantuono, presentato ieri sera, a conclusione di Terravecchia in Folk.

Da Ascoli Satriano, Orsara di Puglia, Pietra Montecorvino e Accadia si dipana un intreccio ineffabile tra passato e futuro, che disegna nuove e suggestive ipotesi per quanto riguarda lo sviluppo non soltanto delle aree interne e collinari, ma dell’intera provincia di Foggia.

I quattro comuni sono, in realtà, la punta di diamante di un più vasto movimento: sono tutte queste colline a pullulare di interessanti appuntamenti culturali, spesso anche molto originali ed innovativi, laddove invece, nel resto del territorio provinciale, vuoi per la crisi della finanza locale che ha scoraggiato gli investimenti delle istituzioni locali nel settore della cultura, vuoi perché sempre più spesso (purtroppo) si ritiene che la promozione culturale coincida con l’organizzazione di eventi con la partecipazione dei grandi nomi dello spettacolo nazionale e della tv. Per dirla fuori dai denti, ben vengano i concerti di Eros Ramazzotti e di Carmen Consoli, ma l’uno e l’altra possono essere visti ed applauditi dovunque. Gli “sciambule” possono essere invece apprezzati soltanto tra le colline dell’Appennino Dauno.

Sarà un caso, o forse no, ma la maggiore parte dei sindaci dei comuni protagonisti di questo risveglio culturale dell’Appennino Dauno sono scesi in questi giorni sul piede di guerra, per sollecitare all’amministrazione provinciale di Foggia, che ha in cura la viabilità della zona, drastici e radicali interventi di bonifica e di messa in sicurezza delle sempre più dissestate e disastrate strade collinari e montane.

La questione è annosa, e si trascina irrisolta da molti anni, ma va detto che – proprio per effetto di questo nuovo clima che si respira tra i Monti della Daunia – si pone oggi in termini piuttosto nuovi, e sicuramente diversi rispetto al passato.

Fino a qualche anno fa, riparare, sistemare le strade appenniniche era giusto e sacrosanto perché quanti risiedono nei piccoli comuni non sono cittadini di serie B, e per evitare l’isolamento di questi stessi comuni.

Oggi non si tratta più soltanto di questo. L’offerta culturale che sta diventando sempre più ricca, nella misura in cui attrae sempre più cospicui flussi di visitatori, ha fatto lievitare la domanda di mobilità, e nello stesso tempo ha dimostrato che quello sviluppo compatibile da diverso tempo viene teorizzato (ma mai messo in pratica) dagli ingegneri dello sviluppo, dalle forze politiche, economiche, sindacali, è finalmente a portata di mano.

Tra le colline dell’Appennino si va sempre più profilando e consolidando un autentico modello di sviluppo che non riguarda soltanto l’aspetto culturale, ma anche quello economico e civile. Da che mondo è mondo, però, lo sviluppo è fondato sulle infrastrutture, e cominciare dalle vie (materiali e non) di comunicazione. Il problema dell’Appennino è che le vie immateriali funzionano assai meglio di quelle materiali.

Le tante manifestazioni culturali fiorite in questi anni in queste plaghe non sono il frutto del caso e neanche soltanto il prodotto della creatività e dell’attivismo dei sindaci (che restano comunque magnifici protagonisti di questa stagione). Lo sviluppo non si produce né si inventa a tavolino: è il prodotto di equilibri complicati da mettere a punto ma che, una volta azionati, svolgono un effetto trainante.

Attorno e dietro questa riscossa culturale (che è anche – non va dimenticato – una riscossa civile) sono fiorite tante piccole attività economiche: agriturismi, ristoranti, piccole strutture ricettive, musei, bed and breakfast, itinerari turistici, produzioni agroalimentari di qualità che pur nelle loro modeste dimensioni producono reddito ed occupazione in un contesto che ormai, diversamente da quanto accadeva in passato, non vive più soltanto delle rimesse degli emigrati e delle pensioni percepite dagli anziani residenti.

C’è un know how che va crescendo, che si va consolidando: i giovanissimi organizzatori di Terra in Folk, la manifestazione dedicata alla musica etnica e non solo, che si svolge a Pietramontecorvino, si sono fatti già un nome, nonostante che la manifestazione (il cui programma fa ormai invidia a più blasonate iniziative che si tengono sul territorio regionale): vengono contattati ed interpellati dai loro colleghi del resto della Puglia e del Mezzogiorno, così come accade per gli organizzatori di Orsara Musica. Una cantina di Orsara, per la sua valenza artistica, architettonica ed organolettica è stata selezionata nientemeno che per la Biennale di Venezia.

C’è una ricchezza nascosta che sta finalmente venendo alla luce: sgorga misteriosa così come un po’ di anni fa accadde quando nelle viscere di queste colline venne scoperto il metano. Allora si tennero memorabili manifestazioni popolari per impedire che – come invece avvenne – la preziosa risorsa venisse utilizzata altrove.

La differenza tra allora ed oggi è che non ci sono arrembanti multinazionali dietro l’angolo, non ci sono metanodotti già pronti che possano scippare il territorio di queste risorse che si vanno sedimentando, e che sono poi le risorse più importanti in quanto lo sviluppo per sprigionarsi ha sì bisogno di infrastrutture ma anche e soprattutto di teste, di intelligenze, di cuori, di emozioni.

Non c’è progresso civile, culturale, morale che non cammini con le sulle gambe degli uomini.

Per tutte queste ragioni, bonificare le strade dell’Appennino è una necessità ineludibile: il primo passo da compiere perché queste spinte non restino delle rondini che non fanno primavera. Per dare prospettive di futuro a questo modello di sviluppo che sta sbattendo le ali.

Geppe Inserra

Annunci
3 commenti leave one →
  1. Salvatore Valerio permalink
    30 agosto 2010 22:53

    Tutto bello, ma il fulcro del discorso stà alla fine:…bonificare le strade dell’Appennino è una necessità ineludibile…tutto qui , e non è cosa di poco conto tenuto presente il dissesto idrogeologico del territorio, causato, a volte, dall’incuria dell’uomo.

  2. Marianna Onorato permalink
    31 agosto 2010 21:03

    Apprezzo e condivido l’articolo del signor Inserra.
    Tutti i Comuni dei Monti Dauni sono un tesoro culturale, storico, ambientale ed economico che in questi ultimi anni ha saputo intraprendere autonomamente un cammino di “sviluppo intelligente”, nel rispetto delle proprie pecularità e potenzialità. Ma lo sviluppo locale (dice bene l’articolo) si scontra contro il muro della carenza delle infrastrutture, in primis della rete viaria .
    Vorrei però sottolineare che “bonificare le strade dell’Appennino è una necessità ineludibile” prima di tutto nel rispetto dei diritti e della sicurezza delle popolazioni che ivi risiedono ed in secondo luogo come strumento necessario alla crescita economica di tutta l’area.

  3. 3 settembre 2010 11:21

    Credo che Marianna abbia centrato il problema. E’ la sicurezza dei cittadini l’obiettivo primario. Per la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale dei Monti Dauni servono creatività e organizzazione.
    La parte maggiore delle opere architettoniche e monumentali d’interesse turistico, anche nei Monti Dauni, appartengono alla Chiesa. E’ necessario trovare un accordo con le Diocesi per rendere fruibili chiese, complessi abbaziali, musei diocesani. Se il problema da risolvere risiede nella mancanza di ‘personale’ cui affidare apertura-chiusura e custodia dei luoghi di visita, allora coinvolgiamo gli anziani pensionati che hanno voglia di dare una mano per far conoscere i tesori custoditi nei loro paesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: