Skip to content

Ma il treno tram è davvero utile?

18 ottobre 2010

Fa discutere la prospettiva del treno tram che rappresenta il progetto più innovativo (ed anche più costoso) che dovrebbe essere finanziato nell’ambito della programmazione strategica di area vasta, “Capitanata 2o2o”. Il nostro giornale ne ha diffusamente parlato negli scorsi giorni, illustrandolo nel dettaglio. Il progetto, utilizzando un particolare treno che nei centri urbani è in grado di essere anche un tram, dovrebbe collegare prima la dorsale ferroviaria Lucera-Foggia-Manfredonia e il centro abitato capoluogo, per poi integrarsi anche con le altre linee ferroviarie presenti sul territorio provinciale.

Un progetto avveniristico e sicuramente ambizioso, che però non trova tutti d’accordo. Un nostro lettore, Stefano, ha commentato sul blog del Quotidiano di Foggia il post in cui illustravamo il progetto.

“Io questo progetto non lo capisco – scrive Stefano- . Il problema di scendere da un treno e prendere un autobus non è così grave, anzi, quasi una scelta obbligata, perché quando uno arriva a Foggia, le destinazioni che si possono prendere sono molteplici e non il solo tragitto in questione. Il miglioramento dei trasporti si può affrontare anche per singolo mezzo: attraverso un servizio di treni efficienti, puntuale e frequente, attraverso un servizio di autobus efficiente puntuale e frequente in ognuna delle città collegata dal treno.

Si scende da un mezzo e in un tempo ragionevole si prende una coincidenza, cosa semplicissima che avviene in tutto il mondo. Al momento sia uno e sia l’altro servizio è talmente poco frequente, che per forza di cose si è costretti a prendere l’auto. E poi, mi immagino l’attesa di un tram in viale Michelangelo per andare all’ospedale, in ritardo perché il tram-treno ha avuto un problema a Cagnano Varano! Non è che si è in cerca solo di un appalto per spendere soldi su un progetto non necessario?”

“Invece di costruire rotaie per Foggia e tram-treni nuovi di zecca, con il rischio che si inizia e poi si blocca tutto perché sono finiti i soldi, – aggiunge il nostro lettore – non conviene comprare oggi più autobus e più treni per potenziare le linee che già ci sono? Secondo me avanzerebbero anche i soldi per assumere tanti autisti e controllori (ché in questo periodo di crisi un il lavoro serve) e fare una campagna di sensibilizzazione in tutta la provincia ad utilizzare i mezzi. Solo quando gli autobus non basteranno più perché sarà così grande la domanda di trasporto pubblico (magari, sarebbe un sogno vedere questo realizzarsi!!), si passerà a costruire le linee dei tram, ma dov’essere un passaggio naturale. Perché infatti, le linee ferroviarie e dei tram hanno  bisogno di un grande numeri di utilizzatori per diventare convenienti (infatti è un mezzo che si usa nelle città molto abitate).”

“Si è pensato infatti – conclude Stefano –  a quanto costerà la manutenzione annuale dei binari e dei mezzi? Tanto! Non si vorrà mica avere già dopo qualche anno una linea inagibile, ennesima cattedrale nel deserto.

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: